Tag

Per quelli che “l’otto marzo è una cosa seria”, per quelli che “io le mimose non le voglio per principio”, per quelli che….

Viva le donne, viva le belle donne che sono le colonne della città perché le donne lo sanno chi paga davvero lo sanno da prima quand’è primavera o forse rimangono pronte nel tempo che gira. Perché noi donne siamo così, dolcemente complicate e indubbiamente tutte diverse. Ci sono le donne di Modena che hanno le ossa grandi, le donne di Genova che ridono fra i denti, le donne di Napoli che sono tutte delle mamme, e comunque donne.  Donne come noi, donne in cerca di guai, donne ad un telefono che non suona mai. Donna, madre amate e figlia, due donne in una, la madre e la figlia, due tempi dello stesso film, due donne, l’onda e la sponda, due rose in fondo alla città. Donne mai stanche sempre pronte a dire ancora un altro si anche quando tornano stanche da lavoro, anche quando sono come la Capitana Nemo. C’è la donna che va al “Briefing”, e che poi viene via dai Meeting stronza come un uomo. Non tutte hanno la fortuna di tornare a casa e trovare l’altra metà della mela cha ha passato la giornata a lottare con un esercito di idraulici condomini, dentisti, rompipalle, bottegai, la maggior parte di noi deve fare il funambolo tra casa lavoro, marito, figli per sentirci comunque dire Femmina. E allora si, Femmina come la terra, Femmina come la guerra, Femmina come la pace
Femmina come la croce, Femmina come la voce, Femmina come sai, Femmina come puoi….

 

 

 

 

Annunci