Tag

, , , , ,

fazi

Beatrice Fazi, la Dora del Restauratore Basilio, ci racconta il suo viaggio nella vita tra famiglia, lavoro e fede.

Beatrice com’è vestire i panni di Dora nella fiction “Il Restauratore”?.

Bello, molto bello. Dora è un personaggio che mi piace molto, anche se non è la protagonista della fiction è un personaggio che il pubblico ama molto perché è una donna all’antica. E’ una mamma, una moglie, una donna che lavora ma che mantiene sempre inalterato il suo punto fermo, ovvero la famiglia non intesa solo come marito e figli ma, a tutto tondo. Per lei anche le persone che circondano la piazzetta dove si svolgono le storie sono “famiglia”, Dora è un personaggio che da amore e questo costa fatica, a volte può essere mal interpretato perché amore e amare spesso significa anche vietare, come fa il mio personaggio nei confronti del protagonista che viene spesso rimproverato per mangiare troppo dolci.

Tra lei e Dora ci sono tratti in comune?

Si tantissimi. Entrambe siamo donne gelose, donne cha amano alla follia il proprio uomo e che desiderano essere il loro unico pensiero, siamo donne “di casa”. Ecco in una società dove si tende ad appiattire il ruolo della donna e si cerca si omologare i due sessi io e Dora, ma anche Melina, la colf che interpretavo nelle varie stagioni di Un medico in famiglia siamo donne alle quali piace fare i lavori di casa, accudire il marito e poi, essendo io una mamma e una moglie, sono riuscita a calarmi bene nei due ruoli portando in scena anche parti della mia vita. Chi non ha delle scaramucce con il proprio marito? E così metterle in scena è stato divertente.

Ha parlato di Melina. Le è dispiaciuto abbandonare casa Martini?

Si, è stato molto doloroso. Melina è il personaggio che più di tutti mi ha dato successo. Io ho fatto tanta gavetta, spesso dico che ho fatto la “serva” più che l’attrice  e poi, quando ho iniziato a fare l’attrice mi hanno fatto interpretare una serva. Ho amato molto quel ruolo, mi ha dato tanto, mi ha permesso di coniugare le mie tante vite, le mie tante me, di avere un po’ di stabilità.

Tornerebbe anche solo per un cameo come Lunetta Savino?

Certamente, mi piacerebbe molto, i rapporti tra me e la produzione sono distesi e non abbiamo avuto nessun tipo di problema quindi se Melina dovesse tornare anche solo per una piccola parte mi farebbe piacere.

Per lei la fede è molto importante come si coniuga nella sua vita?

La fede è parte integrante della mia vita e della vita della mia famiglia. Io ho tre figli di età diverse e con loro leggo il Vangelo e poi lo commentiamo insieme, aiuto i miei figli a capire la parola di Gesù che poi è una parola semplice, oltretutto io utilizzo il mio tempo per evangelizzare perché credo sia importantissimo ritrovare valori perduti e nella Bibbia ci sono tutte le risposte.

Come si fa in un momento in cui i ragazzini vengono seviziati, le aziende chiudono, i padri si ammazzano perché non riescono a far vivere dignitosamente i proprio figli a parlare di Dio a dire di avere fede?

E’ proprio la fede, il sapere che c’è qualcuno che ci sta accanto e che ci sostiene che ci aiuta a superare questi momenti. Io ho avuto un cammino di fede complicato. Mi ero allontanata da tutto ciò che orbitava attorno alla chiesa a Dio, poi un giorno, in un momento felice, era incinta di mia figlia, ma complicato allo stesso tempo, ho conosciuto un uomo, un prete e con lui ho iniziato un cammino di fede. Seguivo i corsi di evangelizzazione dei Dieci Comandamenti e piano piano ho capito tante cose. Ho iniziato a confessarmi, anche mio marito ha visto in me il cambiamento. Grazie alla fede sono una donna nuova e, è proprio questo il messaggio che io voglio dare quando porto il Vangelo fuori di casa, cerco di far capire che non dobbiamo essere servi del denaro ma che il denaro è uno strumento, che il tempo è un dono e che non va sprecato, che la vita è bella. Grazie a tutto questo, grazie alla fede io adesso posso finalmente dire di essere felice, di avere una vita piena.

Grazie a Beatrice per la belle testimonianza e per la speranza.

Annunci