Tag

,

Featured image

Oggi parliamo con Mamma Giulia, l’autrice del racconto “Declinazione mamma”. Un testo umoristico che nasce dall’analisi dell’universo femminile, delle donne e soprattutto delle donne-mamme.

Un racconto breve dove Mamma Guilia mette in scena le capicità delle sue amiche mamme e, riesce anche a strappare sorrisi.

Giulia come mai hai deciso di raccontare il primo anno di scuola materna di tuo figlio in questo modo?

Un po’ per curiosità, per voglia di cimentarmi con qulacosa di nuovo e poi, la scuola materna è stata un continuo inserimento, più per me che per il bambino. Un mondo tutto nuovo, le maestre, la scuola, le mamme. Ecco, per prima cosa non mi aspettavo che la scuola materna fosse una “questione seria”, invece sono stata catapultata dalla mia idea di scuola-gioco alla realtà, ovvero un percorso in salita.

Parli anche delle mamme. Perchè le hai declinate?

Ogni bimbo ha la sua mamma e ogni mamma è un mondo del tutto particolare, così come ogni persona. Il punto è che io era una persona normale ma poi sono diventata mamma e…è cambiato tutto. Lo stesso vale per le altre mamme…

In che senso?

Nel senso che molte cose che noi esseri umani normalmente condividiamo o sopportiamo, non riusciamo più a tollerarle una volta diventate mamme, ecco perché spesso litighiamo con i papà. Loro non riescono ad immergersi totalmente in questo strano mondo delle mamme.

Ma tu vuoi dirci che tra voi mamme vi chiamate con i nomi improponibili che utilizzi nel libro?

Si, sempre alle spalle dell’interessata ovviamente. I difetti e i pregi di ogni donna si amplificano quando si diventa mamma e quindi arrivano le mie declinazioni.

Il tuo soprannome?

Non lo so

Secondo te?

Mamma Spartana. Sono molto “terra-terra”.

Ecco il link per acquistare l’ebook

http://www.amazon.it/Declinazione-mamma-Mamma-Giulia-ebook/dp/B00YKIQ9HQ/ref=pd_rhf_gw_p_img_1?ie=UTF8&refRID=1XEXAYS7TF9JEYMAQ2HF

Annunci