AMICI CUCCIOLOTTI collabora con l’Università di Siena per salvare gli animali del Mar Mediterraneo

Il Mar Mediterraneo è una delle aree marine del mondo più compromesse dai rifiuti galleggianti!

È questo l’allarme lanciato dall’UNIVERSITÀ di SIENA, che coordina insieme all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) il progetto internazionale di ricerca scientifica “PLASTIC BUSTERS MPAsa cui aderiscono 15 istituti di ricerca e Ministeri di 6 paesi del Mediterraneo, che nasce dal progetto più ampio “Plastic Bustersa cui aderiscono 43 paesi dell’Unione del Mediterraneo.

Per il secondo anno consecutivo l’impegno ambientale diAMICI CUCCIOLOTTI” si traduce, dunque, nella prestigiosa collaborazione con l’Università di Siena, sostenendo questo importante progetto internazionale attraverso la divulgazione dei suoi contenuti (su 3 milioni di album) ed educando le giovani generazioni alla buona pratica del corretto utilizzo e riciclo della plastica.

«L’obiettivo del progetto “Plastic Busters MPAs” – spiega la professoressa Maria Cristina Fossi che lo dirige – è raccogliere informazioni sulla presenza, la diffusione, le caratteristiche e la quantità di rifiuti marini galleggianti nel Mar Mediterraneo. Inoltre, studiamo gli effetti delle microplastiche sull’ambiente e sugli organismi marini perché l’inquinamento di MICRO frammenti di plastica sta causando seri problemi alla MEGA fauna marina, soprattutto balene, che si alimentano filtrando grandi quantità di acqua e sono quindi molto esposte al rischio di ingestione di plastica e microplastica: ogni giorno, infatti, una balena del Mediterraneo ingoia fino a 2.000 frammenti di plastica!  Anche grandi animali predatori, come il capodoglio, possono ingerire oggetti di plastica e rifiuti marini più grandi. Corrono grandi pericoli anche delfini, tartarughe marine, uccelli e pesci».

«Un altro importante obiettivo che questo progetto si pone – prosegue MARIA CRISTINA FOSSI – è la riduzione dei rifiuti marini attraverso l’attuazione di buone pratiche di gestione dei rifiuti e riciclo della plastica per la produzione di nuovi oggetti in un’ottica di economia circolare. Per raggiungere questo risultato è assolutamente necessario rivolgere il nostro impegno educativo alla fascia di popolazione più predisposta a proteggere gli animali e a difendere l’ambiente: i bambini. Per questo, dal 2017, abbiamo iniziato una collaborazione con Amici Cucciolotti di Pizzardi Editore, un partner che riteniamo molto importante per la sua capacità di informare, sensibilizzare e coinvolgere milioni di bambini. Lo stimolo ludico e divertente della collezione di figurine più amata d’Italia appassiona i bambini rendendoli ricettivi ai contenuti scientifici e ai valori etici ed ecologici che vengono trasmessi sulle pagine degli album!».

 

ENRICO GIARETTA, direttore Relazioni Esterne e Musicali della Pizzardi Editore S.p.A. afferma in merito: «Dal 2017 sosteniamo il Progetto “PLASTIC BUSTERS”, fornendo un aiuto economico e promuovendo progetti educativi in collaborazione con lo staff della professoressa Fossi, perché poter essere di supporto a un’iniziativa così prestigiosa e vitale per il futuro del Mar Mediterraneo è un atto di responsabilità e coerenza che va nella direzione della nostra mission aziendale: sensibilizzare i bambini sull’importanza del rispetto degli animali e della difesa dell’ambiente, perché la Natura è la casa in cui viviamo insieme ai nostri amici cucciolotti!».

Annunci

Nel ventre e nell’anima – Domizia Moramarco

domizia

Arriva in cartaceo il libro di splendide poesie di Domizia Moramarco.

L’autrice, penna sensibile e appasionata, collabora con diverse testate raccontando i luoghi e le anime della letteratura italiana e non.

Adesso passa dall’altra parte della barricata mettendo su carta la sua “anima” con una silloge poetica che ha la prefazione di una scrittrice del nostro tempo Emma Fenu.

Entrambe le donne appassionate dell’animo unamo, di quello femminile, dei suoi risvolti, della sue pieghe e delle sue piaghe. L’autrice, grazie alle parole, regala forma ai sentimenti.

Per prenotare una copia del testo clicca qui:

http://www.letteraturaalternativa.it/shop/poesia/nel-ventre-e-nell-anima-domizia-moramarco/

 

AMICI CUCCIOLOTTI: le figurine che salvano gli animali viaggiano ad alta velocità con Italo

Italo collabora con grande entusiasmo al progetto “AMICI CUCCIOLOTTI 2018 – Le figurine che salvano gli animali” la nuova collezione della Pizzardi Editore che dà il via alla più grande donazione di cibo a favore degli animali.

Italo è orgoglioso di mettere a disposizione i propri treni e le proprie Lounge per sostenere il progetto e diffondere il messaggio che ne è alla base: far crescere divertendo per sensibilizzare i piccoli di oggi rendendoli i grandi di domani responsabili e rispettosi nei confronti della natura, degli animali e del prossimo in generale.

 

In occasione delle vacanze pasquali su tutti i treni Italo e nelle Lounge Italo Club verrà quindi distribuito gratuitamente a tutti i bambini l’Album “Amici Cucciolotti”: la collezione di figurine più amata da milioni di bambini, genitori, appassionati di animali e natura, diffusa in 15 paesi del mondo con la produzione di circa 40 milioni di album dal 2007. Sfogliando l’album i piccoli lettori, oltre a divertirsi collezionando le diverse figurine, si ritroveranno a fare un nuovo ed entusiasmante viaggio alla scoperta delle parole che migliorano il mondo, come Amicizia, Lealtà, Libertà, Solidarietà, e di quelle invece che sarebbe meglio cancellare, come Bullismo, Deforestazione, Estinzione. Un modo diverso per acquisire e fare proprio il significato di vocaboli che hanno il potere di cambiare ogni singola vita. Allegate all’Album ci saranno poi due bustine di figurine e l’altra grande novità di quest’anno: i “Parlottini”, messaggini personalizzabili da consegnare a mano, pensati appositamente per far interagire maggiormente tra loro i bambini, sempre più esposti alla tecnologia.

«Collaboriamo con orgoglio al progetto Amici Cucciolotti” dichiara la dott.ssa ANTONELLA ZIVILLICA, Direttore delle Relazioni Esterne e Stampa di Italo S.P.A.  “Grazie al quale sarà possibile non solo la più grande donazione di cibo a favore degli animali accuditi dai volontari della protezione animali, ma anche la diffusione, attraverso il gioco, del messaggio di sensibilizzazione nei confronti della natura per i nostri piccoli viaggiatori. Inoltre sposiamo in pieno la scelta Green fatta da tutti i prodotti Amici Cucciolotti che utilizzano solo carta certificata o riciclata».

Attraverso numerose iniziative come l’utilizzo dei canali social e del magazine “Italo. I sensi del viaggio Italo aiuterà “Amici Cucciolotti” a promuovere ulteriormente non solo il messaggio di rispetto degli animali, ispirato alla Dichiarazione Universale dei Diritti degli Animali dell’UNESCO, ma anche di difesa e tutela dell’ambiente.

Come dice ENRICO GIARETTADirettore Relazioni Esterne e Musicali della Pizzardi Editore S.P.A.: «Italo è per noi un partner ideale grazie ai valori condivisi della tutela ambientale. Il nuovo treno Italo Evo, infatti, costruito con materiali riciclabili e progettato secondo i più innovativi criteri di eco sostenibilità, rispecchia l’atteggiamento rispettoso nei confronti della natura che viene trasmesso ai bambini con i nostri album Amici Cucciolotti e che assume la valenza simbolica di una promessa per un futuro migliore».

Italo è consapevole che per sostenere un progetto come questo, unico nel suo genere, ci vuole grande passione, sensibilità e attenzione al sociale, nonché un grande amore e rispetto per la natura e gli animali: tutte qualità che da sempre contraddistinguono ogni azione intrapresa e che certamente renderanno possibili future collaborazioni volte non solo a sensibilizzare i bambini e le loro famiglie sulle tematiche ambientali, ma anche e soprattutto a sostenere progetti concreti proprio come questo, grazie al quale verranno donate 10 Milioni di ciotole di cibo ai trovatelli accuditi dai volontari della protezione animali.

“Nero rosso di donna. L’ambiguità della femminilità” un saggio di Emma Fenu

Tag

emma fenu

 

Tra poco sarà Pasqua, al cinema è già uscito un film che racconta la Passione e la storia di Cristo raccontando la vita e la vicinanza di Maria Maddalena con Gesù.

Da sempre la figura della Maddalena è controversa, amata e odiata, ripudiata e riaccolta, continua ad essere una delle donne delle sacre scritture che creano sempre un certo dibattitto.

La penna superlativa di Emma Fenu, prorpio su Maria Maddalena ha scritto un saggio (Milena edizioni), che sarà disponibile alla fine di marzo dal titolo “Nero rosso di donna. L’ambiguità della femminilità“.

SINOSSI: Maria Maddalena è senza dubbio una figura storica ma, da due millenni, ci sfugge una sua identificazione precisa: la circonda un alone di mistero, di proibito e di ambiguo, che le conferisce un fascino inquietante e irresistibile. La Santa è un enigma arcaico e, al contempo, sempre nuovo. Il saggio è incentrato sull’analisi, nel lasso temporale che intercorre fra Medioevo e Rinascimento, del nascere e dello svilupparsi del mito di Maria Maddalena, del diffondersi capillare della sua devozione e del conseguente riflesso sulle arti figurative. L’autrice si sofferma sugli attributi iconografici, la lunga chioma e la veste rossa in primis, che caratterizzano la figura della Santa: espressione delle paure inconsce degli uomini, impegnati nel tentativo di risolvere l’enigma del femminile attraverso il ricorso a stereotipi sessisti. Ogni epoca ha una sua lettura interpretativa di Maria Maddalena, ossia della Donna-Dea.

Tematiche cari alla scrittrice sempre attenta all’universo femminile nelle sue connotazioni più diverse, arcvaiche  e profonde, sempre pronta ad analizzare il passato guardando al fututo.

SOLETERRE: prosegue con successo il progetto “Work4Integration”

Tag

Proseguono con successo i corsi di formazione del progettoWORK4INTEGRATION”, un’iniziativa realizzata dalla Fondazione SOLETERRE, con il sostengo di J. P. Morgan Chase, di Fondazione Cariplo e del Comune di Milano, che si pone l’obiettivo di creare nuove opportunità di formazione per favorire l’inserimento lavorativo di donne e uomini migranti residenti a MILANO e nei territori limitrofi.  

Sul sito ufficiale del progetto (www.work4integration.org), sono contenute tutte le informazioni necessarie sul nuovo corso in partenza, “ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI”, organizzato in collaborazione con Randstad Italia e a cui è possibile inscriversi entro il 12 marzo inviando il proprio CV al seguente indirizzo mail: info@work4integration.org.

Il progetto “Work4Integration”, da dicembre del 2016 a maggio del 2018, coinvolgerà complessivamente 120 donne e uomini migranti residenti a Milano e nei territori limitrofi, attualmente disoccupati o a rischio disoccupazione, organizzando una serie di corsi di formazione. I partecipanti otterranno un attestato di frequenza se seguiranno almeno il 75% delle lezioni previste utile nella ricerca del lavoro – attraverso stage o con inserimento diretto – o alternativamente nell’accesso ad altri percorsi formativi volti ad aumentare il livello d’istruzione. Successivamente saranno selezionati, in base alla motivazione e partecipazione dimostrata (almeno il 65% dei partecipanti alla formazione – 50 persone nell’arco di tutto il progetto), per essere inseriti in stage della durata di almeno 3 mesi.

I corsi offerti dal progetto “Work4Integration” si propongono di supportare ed aumentare le possibilità di inclusione lavorativa e migliorare la condizioni di lavoro e di vita dei migranti coinvolti nell’intervento. Obiettivo dell’iniziativa è assicurare il benessere psicosociale di uomini e donne adulti e neomaggiorenni, sostenendo i loro percorsi migratori con particolare attenzione alla dimensione lavorativa, e sensibilizzare le aziende su questi delicati temi. Inoltre, coloro che si rivolgono al progetto possono anche beneficiare di un servizio di supporto legale, psicologico e di mediazione interculturale per la soluzione di eventuali difficoltà e problemi burocratici, l’efficace gestione delle dinamiche di gruppo e il rafforzamento delle competenze relazionali.

Oltre a quello in partenza, “Work4Integration” ha già organizzato 5 corsi di formazione: Corso per operatore qualificato della ristorazione”, “Corso per panificatore/pizzaiolo”, “Corso per Front Office Assistant”, “Corso per addetto sala bar e tavola fredda” e Corso per addetto al magazzino/operaio settore logistica.

 

Le persone che hanno usufruito dei servizi offerti dal progetto sono state 101, la maggior parte delle quali (oltre il 65%) hanno meno di 30 anni. Tra questi:

·         55 sono stati formati attraverso i corsi di formazione;

·         25 hanno partecipato ai corsi riguardanti la Ricerca Attiva del Lavoro, acquisendo strumenti e conoscenze importanti per proporsi sul mercato del lavoro italiano;

·         16 sono state inserite in tirocini retribuiti di 3 mesi finalizzati all’assunzione;

·         22 hanno avuto accesso a un contratto di lavoro a seguito dei corsi di formazione o delle attività di direct matching;

·         21 hanno usufruito del servizio di counselling lavorativo individuale.

Attraverso il sito del progetto (www.work4integration.org) è possibile accedere a tutte le informazioni per candidarsi ai corsi di formazione. Le aziende interessate possono accedere ai contenuti delle sessioni formative, in corso o concluse, contattare lo staff del progetto per esprimere interesse verso i profili professionali dei partecipanti e scaricare i materiali dei workshop aziendali. Inoltre, sulla piattaforma online sono consultabili le testimonianze dei protagonisti delle attività, cittadini migranti e aziende che raccontano come l’intervento abbia influito sulle loro vite e attività.

Giovedì 1 marzo il Ministro dei Beni Culturali DARIO FRANCESCHINI in visita a FAENZA

Giovedì, 1 marzo, presso il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza (Viale Baccarini, 19 – ore 19.00) si svolgerà un incontro organizzato dal MEI, al quale presenzierà il Ministro dei Beni Culturali DARIO FRANCESCHINI, per discutere in merito alla nuova legge sullo Spettacolo dal Vivo.

Lo scorso 8 novembre la Camera ha approvato definitivamente la legge, un lavoro che ha coinvolto artisti, tecnici, imprenditori del settore, organizzatori, amministrativi, le associazioni di categoria, i funzionari del MIBACT e degli enti locali.

La nuova legge sullo Spettacolo dal Vivo incrementa le risorse del Fondo Unico per lo Spettacolo, estende l’ArtBonus a tutti i teatri, rende permanente il tax credit musica, introduce maggiore trasparenza, porta sostanziali novità per il rilancio e la crescita del settore.

Dario Franceschini è certamente il Ministro che ha messo in campo le migliori azioni a favore della musica, con parere unanime di tutte le rappresentanze del settore. Sono tantissimi, infatti, gli interventi realizzati che hanno reso la musica popolare contemporanea parte integrante della cultura del nostro Paese.

In particolare:

L’avvio della Festa della Musica in Italia (21 giugno) con 9000 eventi, 36000 artisti, 650 comuni e l’anteprima della Festa della Musica dei Giovani nella Capitale Culturale d’Italia a cura del MEI.

Il portale della Canzone Italiana con 200.000 brani dal 1900 al 2000, tradotto in 7 lingue, punto di riferimento per la musica italiana online, con aggiornamenti di almeno 5000 brani al mese.

Sostegno alla Casa dei Cantautori a Genova la cui apertura è prevista per l’estate 2019.

Dopo la Brexit la Residenza della Euyo (Orchestra Giovanile Europea) sarà a Ferrara, in Italia, con contributo di 250mila euro all’anno, per tre anni, al Comune di Ferrara.

Valorizzazione del Jazz con bando già da tre anni di 500 mila euro l’anno e nell’ultimo anno di 750 mila euro.

L’Artbonus è esteso a tutti i soggetti dello spettacolo, inclusi festival.

Tax credit permanente per le opere discografiche musicali.

Sillumina: il bando per giovani artisti finanziato con i fondi dei compensi per Copia Privata (il 10% della raccolta lorda) che ha già sovvenzionato oltre 200 progetti nel primo anno e sta esaminando ora le nuove proposte.

Recepimento direttiva collecting e più trasparenza e concorrenza nella gestione dei diritti d’autore, anche musicali.

Riforma dello spettacolo dal vivo, con riconoscimento musica popolare e jazz, grazie al varo del Codice dello Spettacolo dal Vivo.

Iva agevolata per concerti al 10%.

Bando MigrArti per lo Spettacolo, compresa la Musica per l’Integrazione tra Culture, con un bando di almeno 500mila euro l’anno.

App 18 bonus cultura ai 18enni estesa anche alla musica registrata e dal vivo.

In questi ultimi tre anni il Mibact ha portato una ventata di novità anche tra le istituzioni che hanno avuto per quanto riguarda la musica una maggiore attenzione per l’attualità e per i giovani che ne ripropongono il ricambio generazionale: si pensi alle gratuità per le iscrizioni della Siae agli under 30 e alle start up, ai maggiori incentivi per la promozione della musica dei giovani, a un aumento di sostegni a progetti nuovi per il settore musicale anche verso l’estero, a un segno positivo nel fatturato complessivo del settore musica, a maggiore spazio per gli indipendenti e per i giovani, al Bonus Stradivari per gli strumenti musicali e tanto altro ancora. Inoltre, per la Romagna, in visita al Museo Secondo Casadei, il Ministro Franceschini ha preso un forte impegno per la valorizzazione del liscio.

 

L’evento sarà aperto dal cantautore Mirkoeilcane, grande rivelazione del Festival di Sanremo 2018 dopo la partecipazione al Mei 2017, dalle cantautrici Iza & Sara, sorprese musicali romagnole al Premio Lauzi, e da altri artisti.

 

Torino: La mostra “L’infinita Curiosità” per “M’illumino di Meno”

La mostra torinese L’infinita Curiosità. Un viaggio nell’universo in compagnia di Tullio Regge parteciperà all’iniziativa “M’ILLUMINO DI MENO”, la giornata pensata per sensibilizzare il mondo sull’abbassamento dei consumi e promuovere la sostenibilità.

È con piacere che gli organizzatori della mostro aderiranno all’iniziativa venerdì 23 febbraio spegnendo l’illuminazione dell’allestimento dalle 17 alle 18.

Un modo per sensibilizzare e dare il proprio contributo alla battaglia contro gli sprechi e l’inquinamento luminoso, un gesto doppiamente importante per chi, come fu per Tullio Regge, lavora nel campo della scienza e dell’astronomia.

Le troppe luci delle nostre città, infatti, ci impediscono di vedere le stelle. E non è solo una questione di romantiche serate ma un problema serio per gli astronomi e per tutti gli scienziati che hanno bisogno di precise osservazioni del cosmo. Nella mostra L’infinita Curiosità. Un viaggio nell’universo in compagnia di Tullio Regge, ospitata  all’Accademia delle Scienze di Torino fino al 18 marzo, si parla dei “messaggeri celesti”, cioè di tutti quei segnali che arrivano dallo spazio e ci permettono di studiare in grande dettaglio l’universo. La luce delle stelle è fondamentale per capire il nostro posto nel cosmo ed è per questo che il 23 febbraio anche la mostra dedicata al celebre scienziato torinese Tullio Regge… “s’illuminerà di meno”!

“Social In Love”, l’amore ai tempi dei social di Tiziana Cazziero

 

28175728_10215232974405752_741930287_n

“Social In Love” è la nuova commedia romantica della scrittrice Tiziana Cazziero.

Ecco qualche dato:

Titolo: Social In Love
Autore: Tiziana Cazziero
Genere: commedia romantica – humour
Formato ebook: € 0,99
Data di pubblicazione: 22 febbraio

Trama: Può l’amore sbocciare nella chat di un social network?
Leila è una giovane donna tradita dall’amore. Non vuole saperne più degli uomini, dopo aver trascorso ore e giornate intere nascosta nella sua stanza, decide di aprire un blog e un gruppo nei social network : Social in Love.
Inaspettatamente questi spazi virtuali diventano famosi, in un anno i follower sono migliaia e tutti nell’ambiente vogliono scoprire chi è Leila di Social In Love. Il gruppo è tutto al femminile, parlano di uomini, tradimenti, dispiaceri e di come affrontare la sconfitta e la chiusura di una relazione. Molti sono interessati al suo gruppo, tanti gli uomini curiosi che le scrivono per essere inseriti, ma lei nega l’ingresso al genere maschile. Riceve messaggi, mail e contatti, senza tuttavia dare a nessuno confidenza. Un giorno si imbatte in Henry, un giovane ragazzo curioso che comincia a corteggiarla in chat. Inizialmente rifiuta ogni contatto, ma ahimè, l’animo di Leila, incuriosita, cede e comincia un’amicizia virtuale in chat.
La madre e l’amica Lorella vogliono che Leila trovi un ragazzo, si innamori nuovamente e sia felice. Lei però pensa che la felicità non sia legata a un uomo. Allo stesso modo la pensano anche le amiche del gruppo, nessuna deve avere alcuna relazione chi cede al corteggiamento di un uomo è allontanata. Leila decide di vivere un momento di rilassamento, non cerca l’amore, ma sarà l’amore a trovare Leila. Henry sarà quello giusto? Forse, peccato che nasconda un piccolo segreto.
Tra incomprensioni, brutte figure, chat infuocate, screen e immagini rubate con liti e baruffe, Social in Love assicura amore, divertimento e sane risate.
28175728_10215232974405752_741930287_n

SOLETERRE aderisce a “DICO32 – salute per tutte e tutti”

Fondazione SOLETERRE aderisce alla campagna per il diritto alla salute “DICO32 – SALUTE PER TUTTE E TUTTIe insieme ad altre 40 associazioni si impegna nella difesa della salute anche attraverso momenti di mobilitazione, come appunto quella organizzata in occasione de La Giornata Mondiale della Salute, prevista per il 7 aprile, in diversi paesi europei, tra cui l’Italia.

La campagna “Dico32 – Salute per tutte e tutti” è un’iniziativa nata nel 2017 su input della rete europea contro la commercializzazione della salute. Non si tratta esclusivamente di una campagna concentrata sui problemi della sanità, ma sulla salute nella sua accezione più ampia. La salute non deve essere soltanto una battaglia guidata da chi si occupa di sanità ma deve includere diverse realtà che lavorano sui determinanti sociali che incidono molto sulla salute delle persone, come ad esempio le Associazioni.

Soleterre aderisce alla campagna “Dico32” ribadendo come la Salute può quindi diventare un diritto universale solo se, oltre a portare cure, si agisce anche per combattere povertà, iniquità, sfruttamento, violenza ed ingiustizia, che sono alla base di troppe malattie e morti premature. Come affermato anche nel Manifesto della campagna lanciato ufficialmente lo scorso 7 febbraio.

Infatti, attraverso la propria mission “Salute è giustizia sociale”, la Fondazione si pone l’obiettivo di sensibilizzare sulla necessità di promuovere e tutelare il diritto alla Salute nel suo senso più ampio e completo, come dichiarato già nel 1946 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che definisce la Salute non solo come assenza di malattia, ma come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale” e “un diritto fondamentale di ogni essere umano, senza distinzione di razza, di religione, d’opinioni politiche, di condizione economica o sociale”.

«Nella nostra lotta quotidiana contro il cancro infantile – dice Damiano Rizzi, presidente di Soleterre – ci siamo resi conto di come diversi fattori sociali, ambientali, economici e politici possano influenzare la possibilità di ammalarsi di cancro e di curarsi, ma anche come la possibilità di accedere a sistemi sanitari pubblici possa influenzare non solo i tassi di mortalità e morbidità ma anche la qualità della vita dei pazienti e dei loro familiari. Gli effetti negativi della privatizzazione della salute sono sempre più evidenti anche in paesi “ricchi” come l’Italia: per questo motivo è necessario creare alleanze strategiche per progettare e costruire un servizio sanitario nazionale realmente universale e democratico, inserito in una società più giusta».

Con il suo lavoro per la tutela e la promozione dei diritti umani, dalla sua fondazione Soleterre ha raggiunto oltre 260.000 beneficiari diretti e indiretti, soprattutto bambini, giovani e donne in 23 Paesi del mondo, inclusa l’Italia. Durante questi anni Soleterre: è intervenuta a sostegno delle attività di 16 ospedali nel mondo fornendo medicinali, strumentazioni, formazione al personale sanitario; ha attivato un Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP) fornendo cure e sostegno a 21.500 bambini malati di cancro; ha accolto 1.700 bambini malati di cancro con i loro familiari (per un totale di 3.700 persone) presso 4 case di accoglienza (Ucraina, Costa d’Avorio, Uganda e India); ha realizzato programmi di lotta alla malnutrizione e per la salute materno-infantile di cui hanno beneficiato 30.000 persone; ha raggiunto con i suoi progetti e le sue attività in ambito educativo oltre 58.000 persone; ha avvicinato oltre 18.000 persone al mondo del lavoro grazie ad attività di orientamento, formazione e accompagnamento; ha sostenuto oltre 5.600 persone che da sole o organizzate in associazioni si battono per il riconoscimento dei diritti e delle libertà fondamentali in Paesi in cui sono negati.

 

Soleterre è una Fondazione che lavora per il riconoscimento e l’applicazione del Diritto alla Salute nel suo significato più ampio. Oltre a fornire cure e assistenza medica, si impegna per la salvaguardia e la promozione del benessere psicofisico per tutti e tutte, sia a livello individuale che collettivo, a ogni età e in ogni parte del mondo. La prevenzione, la denuncia e il contrasto delle disuguaglianze e della violenza, qualsiasi sia la causa che la genera, sono parte integrante dell’attività di Soleterre: perché “Salute è giustizia sociale”.

Arriva “Amici cucciolotti 2018”

È disponibile in tutte le edicole la collezione AMICI CUCCIOLOTTI 2018Le figurine che salvano gli animali”, che quest’anno si arricchisce grazie ai PARLOTTINIÒ, messaggi da scrivere a mano e da consegnare ai propri amici guardandosi negli occhi e sorridendosi l’un l’altro, così da incentivare la comunicazione diretta tra i ragazzi di tutte le età!

Una chiave diversa pensata appositamente per far interagire maggiormente tra loro i bambini, al giorno d’oggi sempre più esposti alla tecnologia, e un’innovazione coerente con lo spirito educativo della collezione di figurine della Pizzardi Editore, nata dall’idea di incoraggiare la scrittura e l’incontro tra le persone attraverso lo scambio di biglietti illustrati da valorizzare con messaggi personalizzati per i propri amici.

«L’intento “rivoluzionario” commenta l’editore Dario Pizzardi è quello di de-virtualizzare la comunicazione e trasformare gli “amici in rete” in una… “rete di amici” di cui ti puoi fidare».

 

Ma le novità non finiscono qui… gli “AMICI CUCCIOLOTTI” quest’anno arrivano anche a CASA SANREMO con uno stand dedicato che intratterrà le persone di ogni età e divertirà i bambini. Inoltre, sarà possibile incontrare WESTIE, la MASCOTTE degli Amici Cucciolotti che tra i bimbi è diventata una vera star, lungo le vie della città di Sanremo!

 

Quest’anno grazie ad “AMICI CUCCIOLOTTI 2018prende il via la più grande donazione di cibo a favore degli animali: grazie alla raccolta, infatti, verranno donate 10 MILIONI DI CIOTOLE DI CIBO agli animali accuditi da ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali Onlus). Un’importante operazione solidale che consentirà ai volontari della Protezione Animali di accudire al meglio gli ospiti dei loro rifugi.

AMICI CUCCIOLOTTI 2018Le figurine che salvano gli animali” è la collezione più amata da milioni di bambini, genitori, appassionati di animali e natura, diffusa in 15 paesi del mondo, e che dal 2007 a oggi ha prodotto circa 40 milioni di album, oltre 600 milioni di bustine e 4,5 miliardi di figurine.

«Far crescere divertendo» è il motto della Pizzardi Editore, che ha creato un modo unico, istruttivo e divertente per sensibilizzare “i piccoli di oggi” rendendoli “i grandi di domani. La collezione di figurine più amata d’Italia ha, infatti, come obiettivo quello di far crescere i Cucciolotti d’uomo in maniera più attenta e sensibile nei confronti della natura, degli animali e del prossimo in generale, responsabilizzandoli e portandoli al riconoscimento del rispetto della vita, in ogni sua forma, come valore assoluto con l’aiuto dei personaggi “NasoniÒ” (disegnati da Silvia Mondini).

Quest’anno sfogliando l’album i piccoli lettori si ritrovano a fare un nuovo ed entusiasmante viaggio alla scoperta delle PAROLE CHE MIGLIORANO IL MONDO, come Amicizia, Lealtà, Collaborazione, Libertà, Solidarietà, Responsabilità, e di quelle invece che sarebbe meglio cancellare, tra cui Bullismo, Deforestazione, Estinzione. È un modo diverso per acquisire e fare proprio il significato di vocaboli che hanno il potere di cambiare ogni singola vita.

 

AMICI CUCCIOLOTTIè un importante progetto sociale. Da 12 anni, infatti, l’impegno e la volontà dell’editore Dario Pizzardi e la grande risposta dei bambini e dei collezionisti hanno reso possibili grandi iniziative solidali in difesa degli animali e dell’ambiente, grazie anche alla lunga collaborazione con ENPA.

Le raccolte di figurine sostengono infatti l’Ente Nazionale Protezione Animali Onlus con grandi iniziative che coinvolgono ogni anno milioni di bambini e le loro famiglie. In questi anni i volontari ENPA hanno, infatti, potuto disporre di indispensabili strumenti per soccorrere e accudire gli oltre 30.000 animali che, ogni anno, approdano nei loro rifugi in tutta Italia. Ma non finisce qui… Pizzardi Editore collabora anche con la Fondazione ABIO, che si occupa dei bambini ospedalizzati, donando ogni anno ai bambini ricoverati negli oltre 200 reparti pediatrici degli ospedali italiani dove svolgono la loro attività i volontari ABIO migliaia di album e 500.000 bustine di figurine per completarli. Un’altra importante collaborazione è quella con l’organizzazione umanitaria INTERSOS a favore dei bambini ospitati nei suoi campi profughi, scampati a conflitti armati o calamità naturali e quella con l’Università di Siena attraverso il progetto internazionale di ricerca scientifica “PLASTIC BUSTERS”, che riunisce i Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo con l’obiettivo di studiare la presenza e gli effetti sugli animali marini dei rifiuti plastici galleggianti, cercando soluzioni per ripulire i nostri mari.

Dal 2018 “Amici Cucciolotti” sostiene anche il progetto “Voices of Haiti” della ANDREA BOCELLI FOUNDATION, a favore dei bambini, per la valorizzazione del talento.