FIASCONARO: la pluripremiata azienda dolciaria siciliana tra i protagonisti del DiVino Festival

FIASCONARO, pluripremiata azienda dolciaria siciliana, è tra i protagonisti della tredicesima edizione del DiVino Festival, che prenderà il via il 2 agosto a Castelbuono (in provincia di Palermo).

Fino al 4 agosto, il borgo delle Madonie diventerà la cornice ideale per degustazioni sotto le stelle, show cooking, concerti, eventi d’arte e incontri tra le più importanti personalità del mondo enogastronomico italiano. Il DiVino Festival è oggi entrato a pieno titolo nel circuito dei grandi appuntamenti del mondo dell’enologia internazionale: sono oltre 200 i produttori di vino che, provenienti dalla Sicilia e dalle più importanti cantine italiane ed estere, hanno confermato la loro presenza al Festival.

 

Dopo una prima giornata dedicata all’arte e al body painting, che trasformerà il centro storico di Castelbuono in una vera e propria galleria d’arte moderna a cielo aperto, l’appuntamento con Fiasconaro è per la serata clou del DiVino Festival, quella di sabato, la più attesa.

Sabato 3 agosto, infatti, l’azienda parteciperà al galà del PREMIO INTERNAZIONALE GUSTO DIVINO/PREMIO FIASCONARO, che vede tutti gli anni salire sul palcoscenico della manifestazione illustri ospiti. Il Premio, promosso dall’Associazione DiVino Festival e adottato dall’azienda Fiasconaro, che elargisce delle menzioni speciali in memoria del fondatore dell’omonima azienda, il padre Don Mario, rappresenta un riconoscimento destinato a chi, ovunque nel mondo, si è contraddistinto nel settore enogastronomico, contribuendo col proprio lavoro e la propria passione a diffondere ad ampio raggio cultura enologica e alimentare.

 

Nel corso della kermesse, inoltre, verrà celebrato uno speciale “asse Sicilia – Piemonte”, tra Castelbuono e il comune piemontese di Venasca (CN). Nel 2017, nel corso della mostra mercato La Castagna a Venasca, un direttivo della Regione Piemonte ha assegnato al Maestro Pasticcere Nicola Fiasconaro e al figlio Mario La Castagna d’Oro, un riconoscimento che viene assegnato annualmente a chi si è particolarmente distinto nella valorizzazione del prodotto. In questo caso, il premio è stato consegnato a Fiasconaro per l’utilizzo della castagna come ingrediente principe del panettone Marron Noir. Parteciperà al DiVino Festival una delegazione del Comune di Venasca, composta dal sindaco Silvano Dovetta e due consiglieri comunali, e il pittore Fausto Nazer, che donerà le sue opere agli insigniti del Premio Internazionale Gusto Divino/Premio Fiasconaro e sarà coinvolto nella mostra DIVINART assieme alla pittrice palermitana Anna Ocello, nel cuore di Castelbuono (Chiesa del SS. Crocifisso). Ocello dipinge senza regole, con forme anatomiche libere da condizionamenti prospettici e dimensioni disarticolate. Fausto Nazer, ha come protagonista dei suoi quadri la pioggia come momento di purificazione e rinascita. Un piemontese e una siciliana uniti da un’esclusiva mostra visitabile durante tutti i giorni del Festival. Ai premiati, come da tradizione della cerimonia di premiazione, anche le opere del maestro Pippo Madè.

Annunci

Grazie di tutto

camilleri-foto-1024x614

 

La prima volta che ti ho letto ero ragazzina, nella casa al mare dei miei genitori.

Mio padre mi disse: “Ho finito un libro che ti potrebbe piacere. Tieni.”

Era La forma dell’acqua, l’ho letto, e poi ne ho letti altri e poi li ho letti tutti.

E’ nata così Livia, la mia Livia, è nata Porto Scogliera in quella casa al mare e poi nei libri e poi nelle mani delle persone che la leggono tutti i giorni per sentirsi parte di qualcosa.

Mi sono laureata parlando di te, dei tuoi libri e delle tue fiction, di come eri in grado di trasmettere un modo di vivere, l’essere tutto siciliano in maniera chiara, drammatica e ironica allo stesso tempo.

Adesso ci mancherai.

Non mi sono mai commossa per la morte dei personaggi dello spettacolo, semplicemente erano “lontani da me” non mi appartenevano.

Oggi no, oggi è andata diversamente, oggi la mia casa è stata piena di te e dei tuoi racconti, delle tue storie, il piccolo di casa chiede: “Mi racconti di Montalbano?” e così sarà, un poco alla volta.

Grazie di tutto.

METTI INSIEME CUORI IN ASCOLTO E IL MIRACOLO DELLA SOLIDARIETA’ ARRIVA

Sarà celebrata il prossimo ventitre luglio la ” Giornata dell Solidarietà e della Legalità ” a firma Parlamento della Legalità Internazionale. Una iniziativa che vede partecipare decine di bambini coordinati dall’equipe di presidenza  che ha sede a monreale e “le braccia ” in diverse regioni d’Italia . Nicolo’ Mannino e Salvatore Sardisco ( presidente e vice presidente  ) hanno chiamato quei “piccoli eroi”, i bambini, che per un anno hanno cooperato a cantare i veri valori della vita con l’armonia del cuore e la bellezza delle azioni concrete sempre convinti che “le parole affascinano mentre i fatti convincono”. E cosi , grazie  alla preziosa collaborazione del Generale di corpo d’Armata Giuseppenicola Tota , Comandante delle forze operative terrestri di Supporto e Socio Onorario del  parlamento della Legalità Internazionale  un pullman dell’Esercito Italiano accompagnerà bambini, educatori, genitori presso la splendida struttura di “Villa Plasi ” a Menfi dove ad accogliere gli amici del parlamento della legalità internazionale sarà il gestore Pierluigi Cascio che da tempo partecipa alle iniziative del movimento culturale interconfessionale e interreligioso nato dopo le stragi del 92.  E tutto questo a titolo gratuito pagato solo con il  bancomat della gratuita e dell’amore . Tra i bambini partecipanti anche quelli ospiti presso la Casa del  Sorriso di Monreale , luogo di accoglienza  con lo sguardo rivolto a chi è meno fortunato nell’affettivita anche familiare. A coordinare il tutto Salvatore Sardisco mentre Nicolo’ Mannino ha intrapreso il dialogo con il Generale Tota, il  Colonnello Russo e l’amico Pierluigi Cascio che ha assicurato pure il pranzo “gratis” per i graditi ospiti. ” Desideriamo  col cuore ringraziare queste persone meravigliose- dicono  Nicolo’ Mannino e Salvatore Sardisco- dal Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, il colonnello Russo , Pierluigi Cascio, genitori e operatori che hanno permesso di dare corpo a una bella giornata che si presenta all’orizzonte ricca di gioia e tanto divertimento a costo zero. Noi amiamo vivere momenti di pura solidarietà e crediamo che tanta gente prima dei titoli sa presentare uno sguardo limpido e un cuore buono. Solo con loro- concludono Mannino e Sardisco- amiamo confrontarci e programmare eventi che non hanno nulla a che vedere con sermoni e chiacchiere ma fatti concreti in spirito di fraternità e solidarietà pura e disinteressata “.  Metti insieme una persona 7 amica come Pierluigi Cascio, amici dell’Esercito Italiano, operatori e docenti che coordinano un “fiume ” di iniziative in casa parlamento della legalità internazionale e allora il “miracolo ” della fraternità commuove i cuore piu’ induriti.

Simona Busto: Voglio amarti

VOGLIO AMARTI front

Oggi vi rpesento il nuovo romanzo di Simona Busto

 

Titolo: Voglio amarti

Autore: Simona Busto

Data di uscita indicativa: 10/07/2019

Cartaceo: 10/07/2019

Brand editoriale: Reading With Joy

Serie: autoconclusivo

Pagine: indicativamente 110

 

Trama:

“Se fossi più giovane mi vedrebbe in maniera diversa. Se fossi più giovane potrei lasciare che il nostro rapporto progredisca con calma. Se fossi più giovane lo conquisterei”.

 “Se fossi meno giovane mi prenderebbe sul serio. Se fossi meno giovane non sarei amico di suo fratello. Se fossi meno giovane la conquisterei”.

 Ambra e Daniele non possono amarsi.

 Non importa se quando sono vicini l’aria si carica di elettricità. Non importa se l’intesa e la passione tra loro colmano qualsiasi distanza li separi.

 Tra loro ci sono cinque anni di differenza. Troppi per una donna che vuole un figlio. Troppi per un uomo che non ha ancora nulla da offrirle.

 E quel legame intenso e passionale finisce per tramutarsi in sofferenza.

 Eppure quando sono insieme nulla sembra contare. Né la differenza d’età, né il forte rapporto d’amicizia che lega Daniele al protettivo fratello di Ambra. Vincerà l’amore?

 

Il Generale della Guardia di Finanza scrive al presidente del Parlamento della legalità

In vista dell’incontro culturale che si svolgerà sabato 22 giugno alle ore 18,30 presso la terrazza de “Il Giardino degli Aranci ” a Monreale, durante il quale Nicolo’ Mannino e Salvatore Sardisco ( rispettivamente presidente e vice del Parlamento della Legalità Internazionale ) tireranno le fila di un intero anno di attività culturali svolte in diverse regioni d’Italia, il Generale di corpo d’armata Carmine Lopez, Generale interregionale della Guardia di finanza per l’Italia Sud/Occidentale- anche i veste di presidente onorario del parlamento della legalità internazionale- indirizza a Nicolo’ Mannino un messaggio da condividere con tutti i partecipanti a questo singolare appuntamento .”Rivolgo a Lei e ai suoi collaboratori sentimenti di profonda gratitudine- scrive il Generale Lopez- per l’inesauribile impegno con cui prestate la vostra opera, nono stante le difficoltà di ogni giorno, senza risparmio di energie, dando fondo a tutto il vostro spirito di sacrificio e all’eccezionale professionalità di cui siete in possesso”. Richiamando poi il giorno della sua investitura della carica di “presidente onorario del parlamento della legalità internazionale avvenuta lo scorso 9 maggio nella splendida cattedrale con la benedizione di Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo e Guida spirituale del movimento, il Generale interregionale della Guarda di finanza aggiunge ” In occasione del nostro ultimo incontro ho sperimentato emozioni e sensazioni indimenticabili, che mi hanno fatto comprendere appieno come le iniziative da Lei coltivate costituiscono un virtuoso unicum nel panorama socio- culturale del Paese. ” E poi conclude “Mi complimento vivamente per la concretezza e la nobiltà dei progetti in atto ed auspico il pieno successo dell’evento “. Intanto a Monreale per questa convocazione stanno per arrivare diverse personalità, tra queste il Presidente della Comunità Egiziano con delega affari esteri Basem Salama Ibrahim con una delegazione di sette personalità dal Cairo, don Luigi Merola “prete anticamorra “fondatore della Comunità per bimbi in difficoltà “A Voce de Creature “, il sindaco assessori e Maresciallo della Comunità di Bovino, provincia di Foggia, come pure “amici ” del parlamento della legalità’ culturale come gli scout di Alcamo, fedeli da Palma di Montechiaro, e anche da Roma come il dott. Antonio Sabbatella presidente dell’Istituto Studi Europei “Alcide De Gasperi, il Dirigente dell’ufficio Scolastico Regionale Raffaele Zarbo, la sindacalista Paola Saraceni, il commissario coordinatore della polizia penitenziaria del “Malaspina “Francesco Cerami,il Colonnello Ausiliare Giuseppe Lo Cicero, già Capo sezione orientamento del Comando Militare Esercito Sicilia, e tanti docenti e dirigenti scolastici di diversi Comunità della Sicilia . “Sarà una festa di amici che hanno in comune l’amore alla vita e lo sguardo rivolto ai giovani- dicono Nicolo’ Mannino e Salvatore Sardisco- e tutto questo ci porta a continuare un cammino culturale che ci vede varcare le alpi e portare fuori l’Italia quel fresco profumo di libertà firmato dal sorriso e dal dono di sè di tanti nostri martiri”.

PRESENTAZIONE: Volevo solo essere te

ariel

Oggi vi presento il nuovo libro di Airel dal titolo Volevo solo essere te, un romanzo che ho avuto modo di apprezzare durante il concorso Ilmioesordio2018 e che adesso leggerò con passione.

Autore: Ariel

Titolo: Volevo solo essere te (Finalista al concorso “Ilmioesordio” 2018)

Trama: Fin da bambina, Giada si è trovata a dover fare i conti con una sorella maggiore molto particolare: Ambra infatti è sempre stata bella, intelligente, simpatica, generosa, esuberante, e ora che il fidanzato l’ha lasciata proprio per sposare la sorella, Giada si trova a dover vivere un periodo davvero difficile, tanto più che i preparativi per il matrimonio sembrano coinvolgerla più del necessario. E sarà proprio durante il ritorno a casa dopo una giornata passata all’insegna di abiti da sposa e costosi accessori, che le due sorelle faranno la conoscenza di un ragazzo, Angelo, che sin da subito mostrerà uno spiccato interesse per Ambra, ignorando Giada. Ma la ragazza questa volta non vuole arrendersi, e quando Angelo lascerà la sua email ad Ambra, Giada di nascosto se ne impossesserà, dando vita a una fitta corrispondenza a nome della sorella, che culminerà con un appuntamento. Appuntamento che non avrà mai luogo, perché il ragazzo verrà trovato cadavere da Giada che, acconciata come sua sorella per mascherare il suo inganno, darà inizio a una fitta rete di equivoci, che culmineranno con l’arresto di Ambra. Ricca di sensi di colpa, Giada s’improvviserà detective, per scoprire il vero assassino e poter così porre fine a quel tragico errore. Ma la strada per la verità è ricca di ostacoli, che coinvolgeranno la protagonista fino all’ultimo colpo di scena. Un thriller psicologico dove le vittime diventano carnefici e viceversa, una storia che indaga le luci e le ombre del rapporto tra sorelle.

Estratto: Cara sorella, mai come oggi che sei lontana da casa avrei bisogno di parlarti, di spiegarti, di farti capire la vera realtà dei fatti. Perché tu non hai capito, non hai capito nulla. Sei troppo buona, innocente e inconsapevole per arrivare ad afferrare la verità e a comprendere perché ora ti trovi in carcere con l’accusa di omicidio. Ma, credimi, io non volevo distruggere la tua vita così perfetta, il tuo matrimonio ormai alle porte, la tua carriera così ben avviata… Io non volevo vederti così stanca e sciupata in quella sala, il tuo mondo distrutto in un solo giorno… io… io volevo solo essere te…

Link di acquisto: https://www.amazon.it/Volevo-solo-essere-te-Ariel-ebook/dp/B07T3TMQJK/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=volevo+solo+essere+te&qid=1560689922&s=digital-text&sr=1-1

Biografia: Ariel (1989) è una scrittrice emergente italiana. Laureata in Lettere (laurea triennale) e Filologia moderna (laurea magistrale), lavora saltuariamente come bibliotecaria. Su Amazon ha pubblicato:

  • Ops, c’è un messaggio per te (2014)
  • AAA cercasi disperatamente un lieto fine (2015)
  • Diario semitragico di un casalingo disperato (2016)
  • Volevo solo essere te (2019)

Dal 2016 gestisce un blog letterario sulla piattaforma blogspot, “L’angolo di Ariel”.

Sabato 15 giugno SOLETERRE e DANZACOLCUORE tornano con lo spettacolo “Danzacolcuore per farti felice”

Insieme da oltre 10 anni, Fondazione SOLETERRE e la scuola di danza DANZACOLCUORE tornano in scena con lo spettacolo di danza DANZOCOLCUORE PER FARTI FELICE al Teatro della Luna di Assago (via Giuseppe di Vittorio, 6 – inizio spettacolo ore 19.45 – per informazioni e biglietti tel. 0248751107 – info@danzacolcuore.com o presso la sede di Danzacolcuore). L’evento sarà presentato da Paola Rota.

 

Anche quest’anno, Soleterre allestirà all’interno del foyer del teatro uno stand attraverso cui sarà possibile donare per sostenere la campagna Grande contro il cancro, attualmente attiva in 5 Paesi, compresa l’Italia (Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda).

 

Danzocolcuore Per Farti Felice”, sotto la direzione e regia di Walter Panzetti e con le scenografie di Tiziano dell’Acqua, è un evento benefico che vede la scuola DANZACOLCUORE e Fondazione SOLETERRE insieme per raccogliere fondi in favore dei bambini e adolescenti malati di cancro e le loro famiglie. Grazie ai fondi raccolti attraverso vari progetti ed iniziative, Soleterre garantisce in 5 Paesi (Italia, Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda) diagnosi accurate e tempestive, medicine antitumorali e attrezzature mediche, formazione ai medici e supporto psicologico a favore di oltre 10.000 beneficiari tra bambini malati, familiari e personale sanitario.

 

“L’emozione della danza, lo sguardo luminoso dei bimbi sul palcoscenico – commenta il direttore della scuola Walter Panzetti – noi tutti uniti in un solo Cuore, insieme un poco alla volta donando speranza salviamo noi stessi”.

 

“Grazie a Danzacolcuore abbiamo raccolto 40 mila euro in oltre 10 anni e questo significa che quando si lavora insieme per un periodo medio lungo si vedono i risultati – racconta Damiano Rizzi, presidente della fondazione Soleterre – In particolare attraverso il sostegno alle terapie cellulari vorremmo dare una speranza di una pronta guarigione anche ai bambini con forme tumorali rare e particolarmente aggressive. Speriamo che anche questa prossima edizione sia generosa con il progetto Grande contro il cancro”

 

I fondi raccolti andranno alla campagna GRANDE CONTRO IL CANCRO; attualmente Soleterre sta sostenendo il progetto del Policlinico San Matteo “Cell Factory”, autorizzato dall’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco, che consiste nella realizzazione di una “banca” di farmaci cellulari antileucemia. Un progetto di ricerca che sta registrando importanti risultati clinici e numerose richieste da ospedali nazionali ed europei.

 

Soleterre è una Fondazione che lavora per il riconoscimento e l’applicazione del Diritto alla Salute nel suo significato più ampio. Oltre a fornire cure e assistenza medica, si impegna per la salvaguardia e la promozione del benessere psicofisico per tutti e tutte, sia a livello individuale che collettivo, a ogni età e in ogni parte del mondo. La prevenzione, la denuncia e il contrasto delle disuguaglianze e della violenza, qualsiasi sia la causa che la genera, sono parte integrante dell’attività di Soleterre: perché “Salute è giustizia sociale”.

L’evoluzione del benessere è pronta a Torino

IMG-20190611-WA0002

Siete pronti per la prova costume?

No!

E allora che aspettate! A Torino aprirà tra pochi giorni una nuova palestra.

Starete pensando: Ah ecco, una nuova palestra, che novità.

E invece è una novità.

Prima cosa è gestista da una giovane coppia di sportivi che ama il benessere, il corpo e la forma fisica, due giovani preparati e attenti ma non solo a “farvi perdere peso” ma a farvi (farci) stare bene.

In palestra, oltre a istuttori qualificati, troverete modelli personalizzati e la possibilità di accedere al metodo EMS certificato.

La nuova attività sarà un luogo del benessere a tutto tondo, darà sollievo alle vostre articolazioni e cercherà di risolvere i vostri problemi di schiena.

Ma non solo.

Avete poco tempo? Non c’è problema!

Con gli allenamenti e la professionalità di questi giovani istruttori bastano venti minuti di allenamento che equivalgono a tre ore di palestra.

Insomma una roba così non si era ancora vista.

Io sono pronta e voi?

Allora ci vediamo in piazza Graf 128 a Torino, dove altrimenti!

MONREALE– PRETE “ANTICAMORRA ” NEL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE

Don Luigi Merola, battezzato dalla stampa il “prete anticamorra ” , volto noto delle Tv nazionali che spesso lo ospitano per lanciare un forte monito contro ogni forma di violenza, prossimamente sarà a monreale al fianco di Nicolo’ Mannino e Salvatore Sardisco ( rispettivamente presidente e vice del parlamento della legalità internazionale ) a conclusione della grande festa che chiude le molteplici iniziative dell’anno accademico 2018/ 2019 inaugurato lo scorso 24 ottobre a Montecitorio , giorno memorabile perchè la mattina vi è stato l’incontro con Papa Francesco al quale Nicolo’ Mannino ha consegnato il progetto formativo culturale “Ricercatori dell’Alba ” mentre salvatore Sardisco il libro nato in casa parlamento della legalità internazionale dal titolo “Profeticamente Scomodi “. Don Luigi Merola sarà a monreale, quindi, sabato 22 giugno per partecipare alla chiusura dei lavori e sancire un rapporto oltre che di evangelizzazione e di amicizia anche di impegno culturale tra l’associazione da lui fondata a Napoli “A Voce de Creature ” e il Parlamento della legalità Internazionale. “La presenza dell’amico Luigi – dice Nicolo’ Mannino- ci vede fortemente uniti in una intesa culturale che va oltre ogni forma di retorica: avere con noi , accanto a noi, vicino a noi, il mega esercito di bambini, adolescenti e giovani che sanno dichiarare guerra all’odio all’illegalità alla corruzione che purtroppo continua a dilagare oggi piu’ di prima. Il futuro libero da violenza non si sogna- conclude Nicolo’ Mannino- ma si costruisce con dedizione e ferma volontà di non vendersi al “mafioso ” di turno ma rimanere con la schiena diritta e volto libero “. Grande è la stima e l’amicizia tra Don Luigi Merola e il Parlamento della Legalità Internazionale , tantè che il prete napoletano che quotidianamente strappa i bambini dalla strada dalla mano della camorra, ha per due anni omaggiato le magliette che inneggiano alla via realizzate dal parlamento della legalità internazionale durante i due “Festival della Gioia e della Legalità “. Per Salvatore Sardisco “La partecipazione di Don Luigi alla nostra manifestazione conclusiva è un modo fortemente credibile per coniugare grido del Vangelo che libera i cuori dall’arroganza e dalla cattiveria e dal fiato a un inno di libertà e di bellezza che raggiunge i piccoli e quanti credono in presente di puro riscatto da ogni forma di soppruso e di indifferenza”: A dare il Benvenuto a don Luigi Merola ,sarà Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale e guida del movimento che da sempre ha espresso affetto e stima verso il sacerdote “anticamorra “amico e sostenitore delle iniziative culturali nate in casa parlamento della legalità internazionale.

DA MONREALE A PALMA DI MAIORCA: L’ECCELLENZA PREMIA IL PARLAMENTO DELLA LEGALITA’ INTERNAZIONALE CON GIULIANO DI MATTEO N

Un dialogo costruttivo, ricco di buoni propositi e tanta voglia di dare il meglio di se per far conoscere talenti ed eccellenze che nel nostro Paese spesso si fa fatica a far sapere quanto un uomo vale e cosa riesce a fare per la collettività. E cosi il confronto tra Giuliano Di Matteo , che il prossimo 15 giugno sarà insignito del ruolo di “Ambasciatore del Made in Italia ” da George Guido Lombardi ( consigliere del Presidente degli Stati Uniti Donald Trumpe Presidente del Premio eccellenza Italiana giunta a Washington DC alla sesta edizione dove un segno di riconoscimento per il settore cinematografico sarà consegnato alla giovane stella esordiente del cinema Denise Sardisco ) e il Parlamento della Legalità Internazionale sposano un sodalizio di obiettivi e finalità che fanno ben sperano nel definire tutte quelle “eccellenze ” che brillano di luce propria nel firmamento del talento e delle capacità nel dare proprio il meglio di se a partire dal talento inato che una volta conosciuto sa sbocciare bene ovunque si trovi. “Ed è proprio il caso- sottolinea Nicolo’ Mannino- della bella personalità di Giuliano Di Matteo che a Palma di Maiorca è un punto di riferimento del mondo turistico e non solo proprio per aver dato vita a cinque locali intrecciando in una panoramica di eleganza e qualità la cucina locale con quella italiana e nello specifico pugliese”. Prossimo “Ambasciatore del Made in Italy” Giuliano Di Matteo ha già pronto un attestato di riconoscimento a firma del presidente del parlamento della legalità Nicolo’ Mannino che non ha escluso la sua visita a Palma di Maiorca dove potrà creare un gemellaggio culturale e quindi insediare con Giuliano Di Matteo l'”Ambasciata del buon Gusto Made in Italy ” invitando e proponendo quanti si recano in questa isola a fare tappa nei locali prestigiosi, raffinati, eleganti e molto “appetibili ” del Di Matteo ” al fine di respirare anche in questa terra quel “fresco profumo italiano ” che premia un pugliese doc , un uomo che pur superando – precisa Nicolo’ Mannino- tanti sacrifici- è riuscito a creare un’oasi del buon gusto, di una accoglienza familiare con prodotti di eccellenza “. Il binomio Giuliano DI Matteo e Nicolo’ Mannino, con tutto cio’ che rappresentano hanno il comune un semplice ma incisivo obiettivo: Incoraggiare le menti raffinate, gli uomini caparbi e limare i caratteri piu’ decisi al fine di portare in altre nazionalità e non solo il meglio che abbiamo in “casa nostra ” divenendo un “faro di luce ” che sa di produttività di qualità e di professionalità. E mentre Palma di Maiorca , grazie a Giuliano e Riccardo Di Matteo , si prepara ad accogliere il presidente del parlamento della legalità internazionale Nicolo’ Mannino, la collaborazione con la sede di presidenza di questo movimento ( che si trova a Monreale , nella splendida città arabo normanna ) diventa sempre più forte e incisiva poichè i fratelli di Matteo ( Giuliano e Riccardo ) credono fortemente nei sani principi dello sviluppo della condivisione e del dialogo che vede principalmente i giovani mettersi in gioco e far sapere al mondo intero che la qualità e conoscenza del loro talento portano benefici anche se non sono esclusi i sacrifici e il mettersi in gioco. “A Giuliano Di Matteo- conclude Nicolo’ Mannino- l’augurio di continuare a crederci sempre in vista del premio che lo attende , ovviamente meritato.”