GIORNATA DELL’AMICIZIA E DELL’INTEGRAZIONE

Prende il via oggi in due diocesi siciliane ( palermo e monreale ) la “Giornata dell’Amicizia e dell’Integrazione ” Promotori dell’evento lo staff di presidenza e dei giovani del parlamento della legalità internazionale e multietnico. Si tratta di una iniziativa interconfessionale e interreligiosa che bene si innesta nella “Settimana dell’Unità dei Cristiani “. Alle ore 10 il primo appuntamento culturale presso la Curia Arcivescovile di Palermo nella Sala Lavitrano dove Don Antonio Zito, direttore dell’ufficio degli insegnanti di religione cattolica accoglierà i giovani del parlamento della legalità multietnico che ha sede all’IISS F.Ferrara , guidati dalla dirigente scolastica Eliana Romano e dai docenti Nicolò Mannino e Mariella Palermo. Un incontro in chiave interconfessionale visto che a questo movimento culturale aderiscono giovani di tutte le religioni. Alle ore 12 omaggio floreale alla tomba del beato P..Pino Puglisi. Alle 17,30 la cena “un boccone di tenerezza ” presso la Casa del Beato Giacomo Cusmano a Monreale , una cena dallo slogan “Un boccone di Tenerezza ” offerta ai circa cinquanta bambini ospiti della Casa del Sorriso di Monreale. A questo appuntamento sarà presente Mons. Michele Pennisi , arcivescovo di monreale e guida spirituale del parlamento della legalità internazionale, l’assessore regionale alla pubblica istruzione e formazione della regione siciliana Roberto Lagalla e un gruppo di studenti del “Ferrara ” che animeranno il momento di fraternità. a dare il benvenuto ai diversi docenti, dirigenti scolastici, genitori e studenti saranno Suor Clementina, superiora dell’Istituto dedicato a padre Giacomo Cusmano, Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco rispettivamente presidente e vice presidente del parlamento della legalità internazionale

Annunci

SOLETERRE: al via il nuovo progetto “Enterprise4Integration” a sostegno delle micro imprese o imprese individuali guidate dai cittadini migranti

Dopo il successo di “Work4Integration”, Fondazione SOLETERRE avvia il nuovo progetto “Enterprise4Integration” a sostegno delle micro – imprese o delle imprese individuali guidate da cittadini migranti nella provincia di Milano e di Monza e Brianza. Il progetto, finanziato da JPMorgan Chase Foundation, è realizzato in collaborazione con l’Unione Artigiani della Provincia di Milano, Singa Italia, PerMicro e Fondazione Sodalitas.

 

In Europa i migranti, rispetto ai nazionali, hanno una maggiore propensione a creare un’impresa commerciale. In Italia, in particolare, essi rappresentano un importante fetta del settore artigianale: secondo gli ultimi dati diffusi da Unione Artigiani (2018), nella provincia di Milano e di Monza e Brianza, 20.996 imprese artigianali individuali sono guidate da migranti, il 29% del totale (73.234). La percentuale di crescita delle imprese artigiane dei migranti in queste aree è impressionante: + 36% negli ultimi 6 anni.

L’imprenditorialità rappresenta un modo efficace per promuovere l’integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dei paesi terzi. Per tale ragione, mediante il progetto “Enterprise4Integration” Soleterre offre agli imprenditori stranieri una serie di servizi finalizzati a supportarli nello sviluppo delle proprie attività.

Nel corso di 24 mesi, il progetto si propone infatti di sostenere 60 imprenditori migranti nell’affrontare problematiche burocratiche, legali e amministrative e di coinvolgere 60 imprenditori e 30 aspiranti imprenditori in un processo di formazione per lo sviluppo del proprio business o di incubazione per nuove idee imprenditoriali.

 

Entreprise4Integration” prevede:

 

–       Attività di orientamento e informazione;

–       Programma di sostegno all’imprenditorialità (formazione, incubazione, supporto per accesso al credito);

–       Rafforzamento del capitale sociale, attività di mentoring e networking;

–       Supporto multidisciplinare agli imprenditori migranti, rafforzamento delle soft skills e servizi specifici per donne imprenditrici.

Il progetto sarà presentato ufficialmente il 23 gennaio alle ore 14.30 presso la sede di Unioni Artigiani della Provincia di Milano (sala Gabriele Lanfredini – via Doberdò, 16) alla presenza di tutti i partner e con la testimonianza di imprenditori migranti di successo. Per partecipare è necessario registrarsi inviando una email al seguente indirizzo info@program4integration.org.

«“Enterprise4Integration” rappresenta una vera anomalia positiva nell’attuale scenario economico politico – afferma Damiano Rizzi, presidente di Soleterre – Guardando ai dati ISTAT il 2018 è stato caratterizzato da un calo costante della fiducia dei consumatori e delle imprese in tutti i settori economici. Tale trend, che di certo non incoraggia la creazione di nuove imprese, sembra invece non essere considerato come un ostacolo per chi mi piace pensare stia mettendo tra sé e la realtà un riscatto sociale che passa anche attraverso il lavoro e sembra capace di modificare la realtà stessa. I dati parlano chiaro: nonostante lo scenario economico e il clima politico di “caccia alle streghe” che crea grande confusione rispetto al tema migratorio, ci sono moltissimi cittadini migranti capaci di fare impresa a Milano e in Brianza, terre per antonomasia legate alla costruzione di un’identità individuale e sociale legata al lavoro. L’augurio per tutti loro è di avere il maggiore successo professionale e umano possibile».

 

«Da sempre Fondazione Sodalitas è impegnata nell’avvicinare i giovani al mondo del lavoro attraverso partnership multi-stakeholder – dichiara Alessandro Beda, Consigliere Delegato Fondazione Sodalitas –  In una realtà sempre più multiculturale, siamo lieti di aderire a “Enterprise4Integratio’ per supportare l’avvio e il consolidamento di imprese guidate da cittadini stranieri».  

 

«Il progetto Enterprise4Integration rappresenta il culmine di diversi anni di esperienza di SINGA nel supporto agli imprenditori immigrati in tutta Europa – commenta Olivia Spazzini Villa, presidente di Singa Italia – e siamo entusiasti di potervi partecipare assieme ai nostri partner, con i quali formiamo una rete di supporto innovativa e ben strutturata. Siamo sicuri i futuri imprenditori sfrutteranno al massimo l’occasione e non vediamo l’ora di poter vedere nuove imprese nascere e crescere in tutta la provincia di Milano, dando l’occasione ai nuovi arrivati nel paese di mettere a frutto tutte le proprie competenze ed aspirazione e sentirsi parte attiva e vibrante della nostra società».

 

«I titolari di origine straniera di imprese artigiane – commenta Marco Accornero, Segretario Generale dell’Unione Artigiani di Milano e Monza-Brianza – rappresentano un importante valore aggiunto al complesso sistema produttivo che trova nelle micro, piccole e medie aziende l’ossatura portante. Nel rispetto delle regole, ditte con alla guida un migrante non trovano distinzioni rispetto a quelle “italiane”, anzi spesso le nuove realtà vanno a supplire alla mancanza di imprenditorialità locale in settori che altrimenti sarebbero abbandonati, fornendo validi punti di riferimento economici, sociali e culturali».

 

«La mission di PerMicro – dichiara Roberto Aresu, responsabile Area Lombardia di PerMicro – consiste nel favorire l’inclusione sociale e finanziaria attraverso l’accesso al credito di soggetti non bancabili. Abbiamo deciso di supportare il progetto “Enterprise4Integration” per contribuire alla proposta di servizi rivolti ai potenziali imprenditori migranti del territorio affinché, attraverso un buon sviluppo del progetto d’impresa, vi sia un arricchimento reciproco dell’individuo e del territorio».

 

Soleterre è una Fondazione che lavora per il riconoscimento e l’applicazione del Diritto alla Salute nel suo significato più ampio. Oltre a fornire cure e assistenza medica, si impegna per la salvaguardia e la promozione del benessere psicofisico per tutti e tutte, sia a livello individuale che collettivo, a ogni età e in ogni parte del mondo. La prevenzione, la denuncia e il contrasto delle disuguaglianze e della violenza, qualsiasi sia la causa che la genera, sono parte integrante dell’attività di Soleterre: perché “Salute è giustizia sociale”.

Tra l’ombra e l’anima. Il nuovo romanzo di Maria Teresa Steri

tra_ombra_anima_cover_rid

Esce domani il nuovo libro di Maria Teresa Steri: Tra l’ombra e l’anima.

Titolo: Tra l’ombra e l’anima

Autore: Maria Teresa Steri

Data di pubblicazione: 9 gennaio 2019

Genere: thriller psicologico-paranormale

Pagine: 370

SINOSSI: Da due anni la mia vita non è più la stessa. Visioni e memorie di eventi mai vissuti mi costringono a rintanarmi in casa. L’ossessione per un uomo sconosciuto – da me battezzato “il Visitatore” – minaccia il mio matrimonio. Né mio marito né il terapista al quale mi sono rivolta sono disposti a credermi. Solo Alba, una donna incontrata su Internet, sembra in grado di darmi delle risposte. Mi ha convinta che i miei strani ricordi appartengono a una vita precedente e che il Visitatore è un uomo in carne e ossa. Ora però Alba è morta, forse assassinata da una misteriosa associazione, e io sono rimasta da sola a cercare l’uomo delle mie visioni. Ma la rete di segreti che circondava Alba si sta stringendo pericolosamente intorno a me. E affrontare il passato che ho dimenticato è come gettare uno sguardo in un pozzo oscuro e senza fondo.

promo-uscita

Ebook o cartaceo in vendita su Amazon:  https://www.amazon.it/dp/B07L3ZCQR4/

Prezzo ebook:  2,99 €

Prezzo cartaceo: 11 €

GRATIS con Kindle Unlimited

 

Primi capitoli scaricabili in pdf: http://bit.ly/2QmdZTS

Incipit

In apparenza è un giorno come tutti gli altri. Simone si prepara per andare al lavoro, io indugio davanti alla finestra del salotto, intenta a osservare la strada. In realtà non è un giorno qualunque, perché oggi per la prima volta dopo due anni metterò piede fuori casa da sola.

Sto andando a caccia di risposte. Alla ricerca di un uomo che mi ha rovinato la vita e che pure smanio di incontrare, conoscere, guardare in faccia. Un uomo che non so neppure se esista davvero o se sia solo il frutto di un morboso vaneggiare, un’opportunistica invenzione della psiche, come asserisce il mio terapista.

Stringo con entrambe le mani la solita tazza di caffellatte con un misto di eccitazione, paura e senso di colpa. Abbandonare la sicurezza delle mura domestiche mi atterrisce. Tutto il mio mondo è stato tra queste pareti per così tanto tempo che stento a credere ci sia altro là fuori.

Da due anni ho smesso di lavorare, vedere gli amici, andare a fare la spesa, uscire la sera. Vivo in una reclusione auto imposta nel tentativo di arginare le mie ossessioni.

 

Biografia autrice

Maria Teresa Steri è nata nel 1969 e cresciuta a Gaeta. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è trasferita a Roma, dove vive attualmente con il marito. Ha collaborato come giornalista pubblicista nella redazione di quotidiani e riviste.

Cura il blog Anima di carta (https://animadicarta.blogspot.com/) dedicato a chi ama scrivere e leggere. Si interessa di scrittura creativa e antroposofia. È un’appassionata di Alfred Hitchcock. I suoi autori di narrativa preferiti sono Ruth Rendell e Boileau-Narcejac.

Ha pubblicato nel 2009 il suo primo romanzo “I Custodi del Destino” (Deinotera Editrice, fuori catalogo), un thriller basato sull’idea della reincarnazione. Nel 2015 è nato “Bagliori nel buio”, un noir sovrannaturale, e nel 2017 il thriller esoterico “Come un dio immortale”. Nel 2019 è uscita la seconda edizione de “I Custodi del Destino” (interamente riveduto) con il titolo “Tra l’ombra e l’anima”.

 

Blog autrice:  Anima di carta

 

 

Non ero pronta

Ed eccoci, oggi è il 7 gennaio, il lunedì più lunedì di tutti i lunedì.

Non ero pronta…

Dopo ben tre settimane di vacanza (e si, mio figlio ha saltato una settiman di scuola) si riprende.

Non ero pronta alla sveglia delle sette al continuo: sbrigati, magia, lavati, è tardi, lo zaino, che merenda vuoi? lo spray antipidocchi ecc ecc

Ma è successo.

Queste tre settimane di vacanza sono passate tra starnuti e colpi di tosse, in maniera alternata tra noi tre, sì, perchè ai germi piace casa mia, si stà comodi.

Il nuovo anno, tra uno sciroppo e l’antibiotico è arrivato. Ho deciso di non fare la lista dei buoni propositi perchè mi sono avanzate cose da fare nell’anno vecchio quindi, meglio non aggiungere altra roba, ho scelto un profilo basso così magari concludo tutto quello che ho previsto di fare (no, scherzavo, non avrò mai una casa in perfetto ordine).

Tra un malanno e l’altro, nel corso di questa vacanza mi avete scritto in molti dopo aver letto il mio ultimo romanzo Numeri Amore & Guai

Sono molto contenta del risultato, anche se le critiche non sono mancate.

A qualcuno Claudia, la protagonsita femminile sta antipatica, devo ammettere che non è un tipino semplice, come semplice non è Roberto, il protagonista maschile.

Sicuramente leggendolo non troverete i classici canoni del romance con la donezella da salvare ma, come mi è stato detto, ho voluto creare due personaggi forti e magari anche scomodi e fastidiosi. Non per dar vita ad un nuovo genere letterario (non ne sarei capace) ma perchè volevo raccontare una storia nuova, diversa, lontana dai comuni stereotipi.

Detto questo, vi auguro un buon ritorno alla routine anche se io starei volentieri in vacanza ancora un po’.

 

Il nuovo libro di Reno Brandoni: “UNA CLASSICA SERATA JAZZ”

«La musica è come questo luogo,

non conosce generi, stili, colore della pelle o etnie.

Può essere una sola nota piena di mille sfumature e devi suonarla…

e suonarla ancora per sentire le sue vibrazioni.

Non ha frontiere o confini, è libera, abita il cuore di ogni uomo».

Forse non tutti sanno che il pianista e compositore polacco Fryderyk Chopin è sepolto al Pére Lachaise poco distante dal pianista jazz francese Michel Petrucciani. Nel più celebre cimitero di Parigi – dove riposano anche Balzac, Modigliani, Edith Piaf e Jim Morrison – si trovano dunque vicini due leggendari maestri che incarnano due mondi musicali tradizionalmente contrapposti: la musica “classica” e il jazz.

Questa curiosa coincidenza ha ispirato Una classica serata jazz di Reno Brandoni, illustrazioni di Chiara Di Vivona. Nel libro si immagina che una notte al Pére Lachaise gli spiriti dei due pianisti si incontrino e comincino a discutere, mettendo a confronto due modi di intendere la musica soltanto apparentemente molto distanti.

Fryderyk Chopin (Varsavia 1810-Parigi 1849) è considerato uno dei massimi compositori di musica “classica” e i suoi capolavori, tra cui i celebri Notturni, sono eseguiti ancora oggi nei teatri di tutto il mondo. Michel Petrucciani (Orange 1962 -New York 1999) è stato uno dei più acclamati jazzisti, un vero genio dell’improvvisazione. Soffriva di una grave malformazione ossea congenita, la “malattia delle ossa di cristallo”: era molto piccolo di statura, fragilissimo e morì ad appena 36 anni, eppure la sua vita è stata un inno all’amore e alla musica. Ambientato di notte tra le lapidi, il dialogo tra i due è brioso e ironico, ma anche profondo e commovente, e racchiude un prezioso insegnamento: la musica non conosce barriere perché è libera e abita il cuore di ogni uomo.

Nasce “S bag”: il nuovo marchio by Smemoranda in difesa dell’ambiente

Nasce S bag: il nuovo marchio by Smemoranda in difesa dell’ambiente. Un’esclusiva linea di borse ecologiche e zaini eco sostenibili per il lavoro e il tempo libero, progettata dai designer dello storico brand Nava. Da tessuti innovativi completamente riciclati, prendono forma prodotti dalla linea iconica, minimali ed eleganti, capienti e funzionali.

Contemporanee, leggere e resistenti, le S bag sono dedicate a chi ama lo stile metropolitano e ha un’anima eco friendly. Avere una S bag non significa solo possedere una borsa ecologica e di design, significa far propria una buona idea. Significa trasformare lo spreco in una risorsa. Il consumo incontrollato di plastica sta soffocando i nostri mari e il pianeta. Ma la plastica può diventare una risorsa, la base per un nuovo ciclo produttivo una volta terminata la sua prima vita: basta recuperarla.

 

La collezione S bag è realizzata con materiali ecosostenibili ottenuti dal riciclo di bottiglie in PET (550 ml). Grazie a macchinari di ultima generazione, le bottiglie in PET vengono polimerizzate e poi trasformate in filato, utile a produrre tessuti dalla mano naturale: leggeri e resistenti, perfetti per costruire borse e zaini. Il poliestere ottenuto dal riciclo delle bottiglie in PET è utilizzato per il tessuto esterno e la fodera di tutti i prodotti della collezione S bag. Ogni articolo della linea S bag porta, stampato sull’etichetta, il numero di bottiglie riciclate durante la sua produzione.

Smemoranda da sempre sostiene le buone idee e per compensare le emissioni di CO2 causate dalla produzione del suo celebre diario, ha piantato nel corso degli anni centinaia di migliaia di alberi. Oggi l’etica ecologica di Smemoranda prende la forma di un marchio essenziale e innovativo allo stesso tempo: S bag. Scoprilo qui.

 

La collezione S bag è disegnata per Smemoranda da Nava Design.

È composta da 6 modelli in 3 varianti di colore: verde oliva, blu e antracite. Etichetta in cuoio rigenerato. Prezzi da 28 a 91 euro.

 

TONATTO E FONDAZIONE PAIDEIA: IL NATALE PROFUMA DI SOLIDARIETA’

Un regalo profumato che fa bene a chi lo fa, a chi lo riceve… e non solo!

Diletta Tonatto, direttrice creativa della storica Maison torinese di profumeria artigianale e d’autore, e Fondazione Paideia, onlus che offre sostegno a bambini e famiglie in difficoltà, si incontrano per dar vita a “CREA IL TUO PROFUMO” un laboratorio olfattivo speciale, un’esperienza unica, un regalo prezioso che profuma di solidarietà.

Presso il Centro Paideia in Via Moncalvo 1 a Torino, sotto la guida di Diletta Tonatto, sarà possibile creare una fragranza esclusiva e personalizzata, dalla scelta delle essenze al confezionamento vero e proprio del prodotto. Un estratto filtrato a mano, goccia a goccia, realizzato utilizzando le tecniche più antiche e tradizionali dell’alta profumeria. La formula sarà registrata per poter replicare il profumo anche in futuro. Al termine dell’incontro verrà consegnato il profumo in confezione 50 ml.

Nata come esperienza dedicata ai famigliari dei bambini con difficoltà che la onlus torinese accoglie e sostiene, il lab da oggi si apre a tutti e diventa un regalo di Natale originale e solidale, da fare a da farsi. Tutto il ricavato sarà interamente devoluto a sostegno delle iniziative della Fondazione.

Giornata Mondiale contro l’AIDS

Il 30 novembre, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, Smemoranda e l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano, in collaborazione con ANLAIDS Sezione Lombarda, entrano a scuola per parlare di lotta all’AIDS e corretta educazione sessuale. Perché, nel 2018, l’Istituto Superiore di Sanità segnala «un’incidenza maggiore» delle nuove diagnosi di infezione da HIV nei giovani. I questionari che ANLAIDS ha proposto nelle scuole superiori come pre-test in occasione di interventi di prevenzione a partire dall’anno scolastico 2013-2014, hanno coinvolto 13905 studenti delle provincie di Milano, Monza/Brianza, Mantova, Roma e Latina. I dati emersi hanno evidenziato alcune importanti lacune conoscitive, specie nei più giovani, nei ragazzi che frequentano gli istituti tecnici rispetto ai liceali, nei figli di genitori stranieri. L’81% di chi riferisce di avere avuto rapporti completi afferma di aver usato il preservativo, ma solo il 58% dichiara di non avere alcun problema con l’uso dello stesso. Le fonti di informazione da cui i ragazzi affermano di avere avuto o di aspettarsi informazione su HIV o sulle infezioni sessualmente trasmesse sono la scuola (67%) o la televisione (63%). La famiglia (37%) e ‘Internet’(35%) sono  solo al terzo e quarto posto. Ultimi i giornali (22%) e gli amici (15%). I maschi, in particolare, sembrano parlarne meno in famiglia. Come spiega il Professor Massimo Galli del Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche “L. Sacco”- Cattedra di Malattie Infettive, Vicepresidente ANLAIDS Sezione Lombarda e responsabile nazionale progetto scuola ANLAIDS, siamo di fronte a “Un quadro generale che indica come ci sia ancora molto da fare per la diffusione di una cultura della prevenzione e della responsabilità tra i ragazzi, specie in situazioni di particolare difficoltà. L’inserimento delle tematiche di prevenzione nel contesto più generale di educazione alla salute può rappresentare una carta vincente, anche per preparare i giovani, attraverso la conoscenza delle cose, a rifiutare spontaneamente lo stigma nei confronti di persone e malattie che è principalmente figlio dell’ignoranza.”

 

La prevenzione e l’informazione – afferma l’assessore alle Politiche Sociali,  Salute e Diritti Pierfrancesco Majorino – sono due tasselli fondamentali nella sfida per tutelare la salute dei cittadini. Cominciare dalle scuole e dai più giovani è il modo migliore per ottenere risultati efficaci rendendo sempre più consapevoli i giovani di oggi e gli adulti di domani. Vogliamo fornire un messaggio serio, attento e non ridicolmente cupo che non dica alle ragazze e ai ragazzi di non fare sesso, ma di farlo prestando attenzione alla massima sicurezza”. Secondo la Consigliera Regionale della Lombardia Paola Bocci: “I consultori pubblici possono essere strumento fondamentale per diffondere tra i giovani maggiore consapevolezza dell’importanza di prevenire le malattie sessualmente trasmissibili e la diffusione dell ‘HIV. Devono essere davvero luoghi dove si fa prevenzione e informazione sulla sessualità consapevole e sana. Per questo Regione Lombardia deve investire di più sui consultori, potenziandone le attività e introducendo l’erogazione gratuita di profilattici e contraccettivi, soprattutto per i più giovani.”

Da qui l’importanza di una corretta educazione sessuale che sappia parlare alle nuove generazioni coinvolgendo scuole, medici, istituzioni e media. Per questo l’edizione 2019 del diario Smemoranda ospita una pagina di comunicazione sociale patrocinata dal Comune di Milano, con uno speciale test dedicato alla lotta all’HIV: “Non l’esame del sangue che rivela una possibile infezione da HIV, ma quello che ti dice quanto ne sai sul virus. Conoscere l’HIV e l’AIDS aiuta a vivere meglio, tutti quanti. Perché a volte l’ignoranza è un nemico ben più pericoloso di un virus.”

I risultati del test sono disponibili sul portale smemoranda.it accompagnati da informazioni utili per conoscere e combattere il virus. La campagna di comunicazione avviata con il questionario culmina il 30 novembre con un incontro dal vivo con gli studenti condotto dall’attrice comica Debora Villa presso l’Istituto di Istruzione Superiore G. Cardano di Milano in occasione della giornata mondiale di lotta all’AIDS.

‘Verso Nocria’, presentazione del libro di Samuele Gobbi a San Lorenzo in Campo e Serra Sant’Abbondio

Dopo l’anteprima due settimane fa, continua il tour di presentazione di ‘Verso Nocria’, prima raccolta di poesie, edita da Robin edizioni, di Samuele Gobbi, 31 anni, dottore in Storia, appassionato di folklore, di montagna e tradizioni locali.

Pagine che profumano di boschi, prati e rocce, un libro che è un viaggio sulle montagne dell’Appennino, scandito dal ritmo delle stagioni. Bastone, zaino in spalla e penna in mano. C’è il suo mondo dentro questa raccolta: il territorio che ama e lo ispira, il percorso che porta un ragazzo a diventare uomo, la volontà di volersi bene.

Nel titolo del libro, che è anche quello di una poesia, c’è il cuore di Samuele: verso, di poesia ma anche direzione per Nocria, la montagna del massiccio del Catria, confine tra Marche e Umbria.

Il libro venerdì 23 alle 21 sarà presentato a San Lorenzo in Campo presso il polo culturale biblioteca multimediale ‘A. Cardini’. Dialogherà con l’autore Federico Tamenghi.

Sabato ci si sposterà a Serra Sant’Abbondio dove è in programma la 28esima Cena dei Poeti, organizzata da I Poeti dell’Eremo. Alle 18, in sala consiliare la presentazione del linro, quindi alle 20 la cena aperta a tutti gli appassionati ed estimatori della poesia, al ristorante Le Cafanne.

«La mattina quando apro la finestra la prima cosa che guardo è la montagna e appena ho un momento libero salgo. Mi sento protetto dalla montagna, è fonte di ispirazione. Amo il mio territorio fatto di borghi, boschi e valli; vivo la mia terra e la sento dentro».

Una passione quella per la scrittura che Samuele ha dai tempi dell’università e che ora è diventata un libro, nel quale le poesie sono suddivise per stagioni: «Scrivo da tanto per necessità, passione, volontà. In questa raccolta ci sono poesie anche di sei anni fa. Un mio viaggio interiore da ragazzo a uomo adulto, scandito dal ritmo delle stagioni. La montagna, il territorio che vivo e respiro sono la mia fonte di ispirazione. Quadri che sento la necessità di descrivere scrivendo. Un giorno poi mi sono accorto che di poesie ne avevo scritte davvero tante e così ho deciso di farne una raccolta».

Tanti gli apprezzamenti e per Samuele è arrivata la possibilità di pubblicare le sue poesie: «Quasi inaspettata, una enorme soddisfazione, una possibilità che mi entusiasma. Spero che il mio amore per la natura, il territorio e l’ecologia contagi un po’ tutti con queste poesie. E’ fondamentale salvaguardare quello che rischiamo di perdere».

«E se chiudi gli occhi anche un poco, senti il vento, che è solo aria che alimenta fuoco». Quell’aria che Samuele respira quotidianamente e ha acceso la sua penna di versi tutti da assaporare.

Info: pagina Facebook Un viaggio, le stagioni, l’Appenino. “Verso Nocria”

Ethan di Tiziana Cazziero, dal 23 online

46389070_257618868236117_1977009721642582016_n

 

Arriva venerdì 23 novembre il nuovo libro di Tiziana Cazziero dal titolo Ethan

SINOSSI: Ethan è un pilota di motociclismo, ha vinto cinque titoli mondiali e ha un futuro brillante che lo attende. L’inevitabile è sempre in agguato e un giorno, un imprevisto, un incidente grave in pista durante una gara importante, mette in discussione la sua intera esistenza.
Al risveglio, dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico, Ethan rivolge il primo pensiero a una donna che crede di aver visto quando è giunto in ospedale. Le persone che gli sono vicine, però, non sanno di chi stia parlando per cui lo convincono che sia una fantasia nata a seguito del ricovero e dei farmaci che ha assunto nel periodo post operatorio.
L’immagine di quella donna diventa un’ossessione, vuole trovarla a tutti i costi, dimostrare che esiste, che aveva ragione, che non è stata un’allucinazione.
Joanna è una ragazza schiva verso il prossimo, ha una figlia e il suo unico scopo è proteggerla dal dolore e dalle sofferenze che ha vissuto quando era una bambina.
L’incontro con Ethan la destabilizza, sa bene chi lui sia ed è il motivo per cui decide di nascondersi, rimanere nell’ombra e sperare che il pilota non si ricordi del loro incontro.
Ethan perde le sue certezze, la sua stessa salute risente ancora dell’incidente subìto.
L’unica convinzione che possiede è lei: non conosce il suo nome, ma sa che esiste.

Autore: Tiziana Cazziero
Genere: narrativa romance, suspense
Pubblicazione: il 23 novembre 2018
Formato: ebook e cartaceo
Numero pagine: 200 circa
Prezzo Ebook: PROMOZIONE € 0,99 DAL 23 NOVEMBRE AL 9 DICEMBRE (Prezzo di listino € 1,99).
Prezzo cartaceo: prossimamente
VENDITA: SU AMAZON E KINDLEUNLIMITED46327496_2275508586062112_8190623060060012544_n