DA TORINO ALL’HIMALAYA. Sport, avventura e solidarietà…a bordo di una carrozzina

Viaggio Italia, che da oggi si presenta con una nuova veste grafica attraverso il nuovo logo “Viaggio Italia around the world”, arriva in Ladakh, India.

Territorio desertico di alta montagna, altitudine media 4000 metri, clima che per tutto l’anno oscilla tra il gelido e il fresco, il Ladakh è una terra difficile, remota, di confine, non adatta a tutti… ma ancora una volta Danilo Ragona e Luca Paiardi sono pronti a raccogliere la sfida!

Continua, sempre più ambiziosa, l’avventura in carrozzina dei due amici, conosciutisi 20 anni fa nei corridoi dell’Unità Spinale di Torino, dopo un incidente, un evento drammatico che entrambi hanno scelto di vivere come “un inizio”. L’inizio di una nuova vita, di un nuovo modo di vedere le cose, di una nuova avventura… l’inizio di Viaggio Italia, un viaggio speciale fatto di sport (anche estremi), incontri, prove e sfide per dimostrare che vivere (e non sopravvivere) con una disabilità è possibile.

Dopo la prima tappa extra continentale a Rio De Janeiro, adesso è la volta dell’Asia! Dal 23 luglio al 5 agosto Viaggio Italia fa tappa in India, in Ladakh, regione a confine tra la Cina e il Pakistan, incastonata tra le incredibili catene montuose del Karakorum e Himalaya. Partendo dalla città di Leh, la capitale, Danilo e Luca visiteranno Delhi, i monasteri di Thiksey, Chimere, Hemis, Alchi e Lamayru, la Nubra Valley e il lago Pangong. La prima sfida sarà quella di imparare a vivere ad altitudini mai sperimentate prima, dai 3500 ai 5600 metri, e lì affrontare le tantissime le attività in programma: river rafting, camel safari, trekking, quad escursioni, solo per citarne alcune.

Un’esperienza unica di spiritualità e bellezza, a contatto con la popolazione locale, resa possibile grazie a Lufthansa, partner ufficiale per i voli a lungo raggio,  al Main Sponsor Fiat Autonomy, il programma di assistenza completo di FCA per le persone disabili pensato per rendere la guida e il trasporto più comodi e sicuri e agli Sponsor Able to Enjoy, SKF, OFF CARR, Meliá Hotels International, Vans, Blu Rent, Fedon, Tre Emme Manufatti. Per approfondimenti www.viaggioitalia.org/partner

Viaggio Italia è un viaggio intenso, emozionante, faticoso, fatto di avventura, sport ma anche tanta solidarietà. In collaborazione con 1 Caffè, la “onlus delle onlus” che vede l’attore Luca Argentero tra i suoi fondatori, dal 30 luglio al 5 agosto sarà attiva una raccolta fondi il cui ricavato sarà interamente devoluto all’associazione Orient@menti di Mario Stefani, impegnata in un bellissimo progetto di sostegno ad una scuola del posto. Chiunque potrà contribuire donando l’equivalente di 1 caffè (1 euro) o una colazione (5 euro) su www.1caffe.org e aiutare così a migliorare e rendere più inclusiva la scolarizzazione in Ladakh.

Annunci

Cara Chicco

Cara Chicco,

Come va? Noi bene, sai, ho visto il tuo spot, carino,  a prima vista, fa un po’ sorridere, con tutti quei baci, quella voglia di amore…ma poi se ci rifletti un po’, capisci che tanto romantico non è.

A parte il fatto che paragonare il tasso di natalità con il calcio sembra ridurre l’uomo (in quanto maschio) ad un puro essere primordiale, c’è da considerare un paio di cose…finiti i Mondiali i figli qualcuno dovrà arli crescere?

Allora mettiamo così, conosco tante donne che di figli ne farebbero sei o sette ma ci sono una serie di cose da valutare.

Ipotizziamo una coppia semplice, normale, basica…uomo, donna e l’idea di un figlio.

Punto primo la gravindaza non è proprio una passeggiata di salute, per non parlare del parto. Una volta nato, questo figlio, ha bisogno di essere accuduto e, credimi, non bastano i pochi mesi di maternità e quindi che si fa? I nonni? se sono in vita, sani, capaci di accudire un neonato oppure il nido. Ma tu, cara Chicco, lo sai quanto costa madare un bambino al nido?

Allora la tata! Che però costa quanto il nido.

Part-Time aziandale? anche li, cara Chicco, ti risparmio le procedure, i problemi, le occhiatacce dei colleghi (maschi e femmine), le critiche se questa povera mamma prende l’allattamento (pevisto per legge). E se il papà vuole prendere la paternità? (sempre prevista dalla legge) sai che caciara in ufficio? Ma questi due genitori lo fanno per il figlio e quindi Amen!

Comunque riesci a farcela e arriva il momento dell’iscirzione alla materna ma, le scuole comunali e statali hanno troppe rischieste e non prendono il bimbo che si fa?

Nonni? Eh no, a tre anni devono socializzare. E quindi? scuola privata! E si, costa circa 200 euro al mese e poi c’è da comprare tutto l’occorrente e, ovviamente, portare la carta igenica.

Rinunci a un po’ di cose e riesci a farcela per altri tre anni e così, pensa quella povera mamma, adesso l’elementare, adesso potrò incrementare qualche ora di lavoro, adesso non si ammalerà più come prima.

Ma è qui che ti sbagli.

L’elementare è quel posto dove tra natale, carnevale, pasqua, 25 apirle, primo maggio, due giungo, e mettiamoci anche una tornata elettorale, la mamma di cui sopra si è giocatale ferie di un anno.

E tutto questo per UN FIGLIO SOLO, se fossero tre?

E allora cara Chicco forse dovresti pensare a quando e perchè hai deciso di far cucire i vestitini per i nostri figli non più in Italia ma all’estero. Ma io ti capisco, la congiuntura astrale non era favorevole per restare in Italia, forse te lo aveva consigliato Paolo Fox ma sicuramente molti Stati esteri hanno un occhio di riguardo per le famiglia, per la vita, per una nuova nascita…da noi non è proprio così.

Cara Chicco grazie, grazie a nome di tutte noi mamme, ma sicuramente ci perdonerai se non ascolteremo il tuo consiglio.

Ci sentiamo per le Olimpiadi.

Con affetto, le mamme

Nuovi spazi e una nuova scuola per 8.500 bambini del reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia

Grazie ai fondi raccolti da Fondazione SOLETERRE e da TRENTA ORE PER LA VITA, circa 250mila euro, sono ufficialmente terminati i lavori di riqualificazione del DAY HOSPITAL DI ONCOEMATOLIGIA PEDIATRICA del POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA, iniziati lo scorso 17 marzo.

«Un vero record in termini di tempi efficacia ed efficienza e in un’ottica di psicologia ambientale dove la qualità degli spazi quotidiani diventa terapia, grazie alla bellezza e all’attenzione» – racconta Damiano Rizzi, presidente di Fondazione Soleterre e psicologo clinico.

»La realizzazione di questo progetto è per noi un grande traguardo e conferma l’impegno di Trenta Ore per la Vita nel campo dell’oncoematologia pediatrica – dichiara Rita Salci, Presidente di Trenta Ore per la Vita – siamo lieti che finalmente tanti bambini e adolescenti malati di tumore in cura al Policlinico San Matteo di Pavia potranno avere degli spazi a loro misura».

I lavori di ristrutturazione sono stati realizzati in due fasi: una prima fase ha coinvolto la scuola e il corridoio del reparto, dove è stato ammodernato il controsoffitto con colori e illuminazione, realizzate grafiche a tema e apposti nuovi arredi funzionali allo studio e alla permanenza dei piccoli in reparto; una seconda fase, invece, ha coinvolto l’atrio d’ingresso della palazzina pediatrica, dove in particolare sono state ammodernate le pareti con grafiche e colori, sono stati acquistati nuovi arredi e nuove illuminazioni.

Il progetto è stato ideato dallo studio di architettura PRINCIPIOATTIVO Architecture Group srl (www.principioattivo.eu), realizzato grazie al contributo tra gli altri di Associazione Trenta Ore Per la Vita e il supporto del programma Televisivo Maurizio Costanzo Show. Il reparto è stato inoltre arricchito di beni e arredi donati da Fondazione Umberto Veronesi, grazie al prezioso contributo di Fondazione De Agostini, nell’ambito del progetto “Fondazione Umberto Veronesi Easy Room“, che si è ben integrato con il progetto di Soleterre, destinando spazi appositi agli adolescenti in cura. «Il progetto Fondazione Umberto Veronesi Easy Room è iniziato nel 2016 e continua tutt’ora con l’obiettivo di ricreare spazi dedicati a pazienti adolescenti al fine di migliorare la qualità delle giornate trascorse in ospedale, potendo così incoraggiare un approccio più positivo verso le cure» – afferma Monica Ramaioli, Direttore Generale di Fondazione Umberto Veronesi.

 

La riqualificazione del Day-Hospital di Oncoematologia Pediatrica è di fondamentale importanza per 8.500 bambini che ogni anno transitano nella struttura, in quanto rientra nel progetto di favorire quanto più possibile la de-ospedalizzazione dei pazienti oncoematologici, favorendo la somministrazione della chemioterapia e terapia di supporto in regime ambulatoriale o di ricovero diurno e permettendo così il ritorno dei bambini alla propria casa al termine della giornata. La creazione di spazi dedicati alle diverse fasce di età (in particolare per l’adolescente) soddisfa le esigenze, non solo medico-assistenziali, ma anche didattiche e ludico-ricreative delle diverse tipologie di pazienti.

Fondazione Soleterre da 10 anni è impegnata nella cura del cancro pediatrico, che rimane una delle principali cause di morte in età infantile (in Italia rappresenta la prima causa di morte per i minori da 0 -14 anni). Con l’obiettivo di innalzare i tassi di sopravvivenza nei Paesi in via di sviluppo e garantire cure di qualità in Italia, Soleterre ha sviluppato il “Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica” (PIOP), un intervento multidisciplinare con azioni che includono educazione alla salute, diagnosi precoce, sostegno psico-socio-educativo, accoglienza e networking.

Attraverso i vari progetti, Soleterre garantisce in 5 Paesi (Italia, Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda) diagnosi accurate e tempestive, medicine antitumorali e attrezzature mediche, formazione ai medici e supporto psicologico a favore di oltre 10.000 beneficiari tra bambini malati, familiari e personale sanitario.

 

In Italia, Soleterre collabora con il Policlinico San Matteo di Pavia, nello specifico con il reparto di Oncoematologia Pediatrica. Nel corso degli anni, infatti, ha realizzato diverse raccolte fondi contribuendo nelle attività di supporto psicologico ai bambini oncomalati e alle loro famiglie, alla supervisione psicologica del personale medico, alla formazione dei volontari e ai lavori di ristrutturazione e alla riqualificazione degli spazi ospedalieri.

In un anno in totale sono stati 82 i bambini beneficiari degli interventi di Soleterre a Pavia, i quali hanno ricevuto supporto psicologico e hanno beneficiato dei laboratori ludicoeducativi.

Soleterre è una Fondazione che lavora per il riconoscimento e l’applicazione del Diritto alla Salute nel suo significato più ampio. Oltre a fornire cure e assistenza medica, si impegna per la salvaguardia e la promozione del benessere psicofisico per tutti e tutte, sia a livello individuale che collettivo, a ogni età e in ogni parte del mondo. La prevenzione, la denuncia e il contrasto delle disuguaglianze e della violenza, qualsiasi sia la causa che la genera, sono parte integrante dell’attività di Soleterre: perché “Salute è giustizia sociale”.

Grazie ad AMICI CUCCIOLOTTI e ITALO a luglio e agosto i CANI VIAGGIANO GRATIS AD ALTA VELOCITÀ

ITALO ama tutti gli animali e per incentivare i propri viaggiatori a condividere il viaggio con i loro amici a 4 zampe, insieme ad AMICI CUCCIOLOTTI – le figurine di Pizzardi Editore “che salvano gli animali” – dà il via a una vera e propria campagna pet-friendly.

Nei mesi di luglio e agosto, infatti, ITALO ed AMICI CUCCIOLOTTI regaleranno il biglietto a tutti i cani di grossa taglia, con peso superiore a 10Kg. Anche tutti gli altri animali da compagnia, i cani di piccola taglia e i gatti sono sempre i benvenuti a bordo e possono viaggiare gratuitamente negli appositi trasportini, obbligo invece non previsto per i cani guida per non vedenti.

Per poter viaggiare in tutta comodità i treni Italo prevedono uno spazio per i cani di taglia superiore ai 10 Kg al fianco del proprio padrone, con un Kit dedicato comprendente un tappetino monouso e una ciotola per acqua o cibo.

La partnership di Italo e Amici Cucciolotti, consolidata in passato con la distribuzione gratuita a bordo treno degli album di figurine, continua all’insegna della sensibilizzazione e dell’attenzione verso i nostri amici animali.

Attraverso i canali social ufficiali di Italo, gli annunci a bordo treno, il sito web ufficiale, il magazine di bordo “Italo. I sensi del viaggio” e la diffusione di un breve cartone animato creato per l’occasione da Amici Cucciolotti, verrà ribadito che viaggiare con il proprio animale, vero e proprio compagno di vita, è un’occasione per vivere una nuova e piacevole esperienza insieme.

Prenotare il servizio gratuito per i cani di grossa taglia è facilissimo: basterà infatti chiamare il Contact Center “Pronto Italo” allo 06.07.08 e, contestualmente all’acquisto del proprio biglietto in abbinamento all’offerta Flex, verrà emesso il ticket gratuito, a seconda della disponibilità, per gli ambienti Prima, Comfort e Smart.

Per sostenere un progetto come questo sono indispensabili grande passione, sensibilità e attenzione al sociale, nonché un grande amore e rispetto per la natura e gli animali, tutte qualità che contraddistinguono da sempre le scelte di Italo e di Amici Cucciolotti.

Pizzardi Editore, infatti, ha trasformato il suo principale prodotto commerciale, la collezione annuale di figurine, da semplice “bene di consumo” in “progetto sociale”. L’impegno e la volontà dell’editore Dario Pizzardi e la grande risposta dei bambini e dei collezionisti hanno reso possibili grandi iniziative solidali come la donazione dal 2007 ad oggi di oltre 3,5 milioni di euro ai trovatelli accuditi dai volontari della Protezione Animali, la collaborazione con la Fondazione ABIO, che si occupa dei bambini ospedalizzati, quella con l’Università di Siena per la salvaguardia degli animali marini del Mediterraneo, attraverso il progetto internazionale di ricerca scientifica “PLASTIC BUSTERS” e quella con l’ANDREA BOCELLI FOUNDATION a sostegno del progetto “Voices of Haiti”. Questa nuova e importante collaborazione insieme ad Italo è quindi il risultato di una coerente condivisione di valori assoluti quali il rispetto verso gli animali, la natura e tutti gli esseri viventi. Il tutto, ovviamente, ad alta velocità a bordo del treno più moderno d’Europa.

FROM ZERO TO KILIMANGIARO

Giovedì 14 giugno al Centro Eventi Il Maggiore di Verbania (via Al Torrente S. Bernardino, 49 – ore 20.30 – ingresso a partire da 10€ con tesseramento a MANIma Onlus), verrà proiettato per la prima volta a teatro il docu-film FROM ZERO TO KILIMANGIARO, video racconto dell’impresa che ha portato NICO VALSESIA a stabilire un nuovo record mondiale di ascesa positiva no-stop: nel giugno del 2017 ha conquistato a piedi Uhuru Peak (5895 mt), la vetta più alta del Kilimangiaro, partendo dal livello del mare in bicicletta.

Insieme a Valsesia ci sarà GIOVANNI STORTI, del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, amico, grande sostenitore e a volte anche co-protagonista delle sue imprese.

Il progetto FROM ZERO TO combina le due principali passioni di Nico Valsesia, il ciclismo e l’ultratrail, rielaborando la sfida dell’ascesa in vetta. Finora Nico ha stabilito il record assoluto di ascesa no-stop partendo dal livello del mare su cinque vette: Elbrus, Aconcagua, Kilimangiaro, Monte Rosa (più il test del Monte Bianco). Tutti i record sono registrati e riconosciuti dalla International Skyrunning Federation (skyrunning.com).

Tra gli atleti più conosciuti in Italia (e non solo) grazie alla lunga serie di imprese sportive estreme e i suoi record in bici e di corsa su itinerari massacranti in tutto il mondo, Nico Valsesia ha fatto del suo motto “LA FATICA NON ESISTE” un vero e proprio marchio di fabbrica (il libro omonimo, scritto con il giornalista Andrea Schiavon che racconta alcune delle sue fatiche, è stato pubblicato da Mondadori nel 2014).

Aprirà la serata il Dott. Luca Vismara (coordinatore delle imprese sportive di Nico Valsesia) che, come presidente di MANIma Onlus, introdurrà gli spettatori al mondo dell’associazione non a scopo di lucro che da anni si occupa di garantire assistenza sanitaria ai bambini nati prematuri e alle persone con problemi all’apparato scheletrico. “Siamo felici che così tanti amici, come Nico e Giovanni, siano sempre in prima linea per la causa di MANIma commenta il Presidente dell’associazione a pochi giorni dall’appuntamento – Spero che la proiezione di From Zero to Kilimangiaro a Verbania possa essere l’occasione giusta per sensibilizzare sempre di più le persone e far conoscere a tutti il modo in cui lavoriamo”.

MANIma Onlus ha organizzato l’incontro in collaborazione con Action Agency e DEMA4.

 

Dopo la proiezione del documentario, invece, Morgan Bertacca (regista del documentario) e Manuela Ronchi (manager di Valsesia e CEO di Action Agency e Dema4) raggiungeranno sul palco Nico Valsesia, Giovanni Storti e Luca Vismara per una chiacchierata alla scoperta di aneddoti, racconti e divertenti retroscena delle imprese più adrenaliniche dell’ultratrail runner.

Conduce la serata Anna Maria Di Luca, giornalista di Sky Sport.

La serata sostiene la causa di MANIma Onlus, per l’occasione sarà possibile tesserarsi con l’associazione e sostenere così le sue attività.

Il 14 giugno a Milano torna APERITIVO IN MUSICA

Dopo il successo dell’edizione 2017 torna “Aperitivo in Musica”, showcase organizzato da VOCAL CARE e NUVOLE E SOLE volto a presentare agli addetti del settore musicale le migliori produzioni di giovani talenti emergenti. L’appuntamento sarà il 14 giugno alle ore 19.30 presso la CASA DELLA MUSICA a Milano (corso Buenos Aires 41).

Il 14 giugno sarà la volta di Marco Muraro e Marta Pilia che presenteranno i loro EP ed i brani con cui parteciperanno ad Area Sanremo 2018. I giovani artisti sono allievi del metodo VOCAL CARE® di Danila Satragno, tra le più importanti vocal coach in Italia, e la produzione dei loro brani è opera di Andrea Papazzoni e Arianna Mereu di Nuvole e Sole.

“Marco Muraro è un ragazzo dotato di un’estrema sensibilità musicale e di grandi capacità di scrittura, notevoli per la sua giovane età” dichiara Danila Satragno. “Marta Pilia è un vero e proprio animale da palco scenico. La sua energia fuori dal comune viene canalizzata in una straordinaria dote vocale”.

“Lavorare con questi ragazzi è stata un’esperienza molto stimolante” dichiarano Andrea Papazzoni e Arianna Mereu. “Crediamo molto in loro e poterli aiutare a sviluppare il loro talento è fonte di grande orgoglio. Li abbiamo affiancati nella scrittura e ci siamo occupati della produzione. La parte di mix and master è stata poi svolta presso uno dei più prestigiosi studi di Los Angeles, in California”.

DANILA SATRAGNO lavora da oltre trent’anni nella musica, sia come cantante jazz che affermata Vocal Coach. Ha collaborato con grandi nomi tra cui Uri Caine, Stefano Bollani, Carl Anderson, Fabrizio De André, come Coach con Jovanotti, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Annalisa Scarrone, Roby Facchinetti, Biagio Antonacci, Arisa, Giusy Ferreri, Manuel Agnelli e molti altri. La sua lunga esperienza di Vocal Coach per professionisti e per giovani talenti l’ha portata a elaborare il metodo VOCAL CARE®, che lei stessa insegna in Italia e all’estero: un allenamento per cantanti, attori e speakers radiofonici e televisivi mirato a ottenere miglioramenti sulla voce e sull’espressività. Attualmente è docente di Canto Jazz presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Nel 2007 ha vinto il premio come Miglior Cantante agli Italian Jazz Awards, Oscar Italiano per il Jazz. Nel 2015 ha ricevuto il premio FIM come miglior Vocal Coach nazionale. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive su Rai Uno e Mediaset.

NUVOLE E SOLE è un’etichetta discografica che nasce a Milano nel 2015 da un’idea di Andrea Papazzoni e Arianna Mereu. Funge inoltre da casa editrice e talent scout a supporto dei giovani talenti emergenti del panorama musicale italiano. Ha all’attivo collaborazioni con Noemi, Cristina D’avena, Giulia Luzi e Antonino. Recentemente Nuvole e Sole ha firmato un contratto di co-edizione con Tadi&Badi di Ermal Meta e Warner Chappel Music Italia.

Musica e disabilità, al via nuovo progetto crowdfunding con il supporto di Stefano Bollani

Lui si chiama Massimiliano Salfi, vulcanico docente dell’ateneo catanese, che lotta ogni giorno al fianco della moglie Giusi per aiutare la figlia e tutti quelli che come lei sono affetti da una malattia invalidante della vista; loro sono ragazzi provenienti da ogni angolo d’Italia, con grave ipovisione o non vedenti. In comune hanno una grande passione: quella per la musica.

Tra le più gravi disabilità, la cecità porta con sé numerosi pregiudizi, legati alle difficoltà percettive e sensoriali. Eppure, scoprendo i progetti portati avanti dall’associazione onlus vEyes (virtual Eyes) – fondata e guidata dallo stesso Salfi – si comprende quanto il coraggio e la forza di questi giovani riescano sempre a rompere ogni forma di barriera.

A raccontare e sostenere il loro desiderio di imparare a suonare, seguendo un percorso altamente professionale, è la piattaforma crowdfunding Laboriusa, la prima in Sicilia legata al mondo no profit, che da pochi giorni ha accolto la campagna di raccolta fondi dal titolo “Le note del cuore” (www.laboriusa.it).

Un progetto destinato a finanziare gli arredamenti di due appartamenti di “vEyes Land”, a Milo, che a settembre diventerà un campus residenziale per musicisti con disabilità visiva, docenti e studenti pronti a imparare le tecniche migliori per portare avanti gli studi didattici e di perfezionamento: «Un nuovo percorso d’integrazione che vedrà a lavoro tantissimi professionisti – spiega Salfi – la musica ha un grande potere dal valore universale ed è importante difenderla e renderla accessibile a tutti».

Il ricavato delle donazioni (2.300 euro) servirà ad acquistare tutto ciò che permetterà di rendere il più possibile confortevole e accogliente l’alloggio dei ragazzi impegnati nelle attività di studio. Letti, armadi, comodini, specchi: la generosità della #gentelaboriusa – hashtag ufficiale dei donatori – diventerà spazio e luogo dove far vivere le storie di rinascita e di fiducia nel domani dei protagonisti della vEyes Orchestra, preparandoli al loro grande debutto che si terrà lunedì 16 luglio nel suggestivo anfiteatro comunale “Lucio Dalla” di Milo (Catania).

Un concerto di musica, partecipazione e solidarietà che vedrà, in un repertorio classico, cinquanta elementi tra vedenti e non, insieme al primo violino del Teatro alla Scala di Milano, il maestro Francesco Manara, diretti dal maestro Luigi Mariani. A dare il via al sostegno del progetto è stato Stefano Bollani, musicista e jazzista famoso in tutto il mondo, che il 17 luglio sempre all’anfiteatro di Milo si esibirà con “Que Bom” concerto dal dna brasiliano. Accanto a lui grandi rappresentanti della musica brasiliana come Jorge Helder al contrabbasso, Jurim Moreira alla batteria e Armando Marçal  e Thiago da Serrinha alle percussioni. L’intero ricavato della vendita dei biglietti della sua tappa del tour, biglietti acquistabili presso la sezione ticketing solidale di Laboriusa, sarà devoluto alla nascita di una scuola di musica ed un campus musicale residenziale per bambini e ragazzi con disabilità visiva.

500.000 “PILLOLE DI SPENSIERATEZZA”

500.000 “pillole di spensieratezza” distribuite in centinaia di reparti pediatrici… non si parla di farmaci ma delle bustine di figurine “Amici cucciolotti” che la Pizzardi Editore mette gratuitamente a disposizione dei volontari ABIO, per distribuirle ai bambini ricoverati negli ospedali.

 

Grazie alla preziosa collaborazione con FONDAZIONE ABIO Italia Onlus, anche quest’anno, infatti, “AMICI CUCCIOLOTTI – le figurine che salvano gli animali” ha donato 5.000 album e 500.000 bustine di figurine ai bambini ricoverati negli oltre 200 reparti pediatrici degli ospedali italiani in cui svolgono la loro attività i volontari ABIO.

 

La missione dei volontari ABIO è quella di coinvolgere i piccoli degenti attraverso stimoli ludici con la speranza di migliorare le loro giornate e quelle dei genitori. La Fondazione ABIO opera in oltre 200 reparti pediatrici di ospedali italiani con circa 5.000 volontari, riuniti in 66 associazioni, a supporto dei genitori e del personale (medici, infermieri, …).

MARIA CIAGLIA, Responsabile Comunicazione e Progetti della Fondazione ABIO Italia Onlus, spiega le ragioni di questa importante collaborazione: «Abbiamo apprezzato subito la generosa offerta della Pizzardi Editore, che si è resa disponibile a donarci ogni anno migliaia di album e 500.000 bustine della collezione più amata dai bambini, perché abbiamo colto le potenzialità che un simile strumento poteva avere nelle mani dei nostri volontari. La distribuzione delle “pillole di spensieratezza” riscuote dappertutto un notevole successo tra i bambini ricoverati. Aprire una bustina di figurine diventa un’attività terapeutica, perché crea un’atmosfera gioiosa che per qualche istante scaccia la tristezza e fa dimenticare la paura, il dolore e la malattia. La ripetizione di quel gesto, bustina dopo bustina, prolunga lo stato di benessere e instaura un clima di socialità e di relazione tra un letto e l’altro, per lo scambio delle doppie. E la stanza di ospedale si trasforma per qualche ora in un luogo sereno».

«È per noi motivo di grande orgoglio – afferma ENRICO GIARETTA, Direttore Relazioni Esterne della Pizzardi Editore – essere al fianco dei volontari ABIO, che con passione, professionalità e impegno hanno scelto di donare il loro tempo per assistere i bambini malati. Una missione sociale che si coniuga perfettamente con la nostra attenzione verso i valori positivi, come la solidarietà nei confronti dei più deboli e fragili che è diventata una caratteristica distintiva delle nostre collezioni. L’album di quest’anno, per esempio, si presenta come un viaggio alla scoperta delle parole che migliorano il mondo, come Amicizia, Lealtà, Collaborazione… e di quelle che invece sarebbe meglio cancellare, come Bullismo, Deforestazione, Estinzione. In ogni bustina è anche presente un Parlottino®, che è un messaggino personalizzabile da consegnare a mano, guardandosi negli occhi: uno stimolo pensato per fare interagire maggiormente i bambini tra di loro, senza la mediazione di un supporto tecnologico. Sul bugiardino di queste “pillole” che, oltre a far bene ai bambini, quest’anno riempiono 10 milioni di ciotole di cibo ai trovatelli accuditi dai volontari della Protezione Animali, potrebbe dunque esserci scritto: ogni bustina di figurine contiene attimi di gioia, dosi variabili di divertimento, entusiasmo, ottimismo, empatia, stupore, meraviglia e solidarietà. Non vi sono controindicazioni al loro utilizzo perché i principi attivi contenuti non creano intolleranze o reazioni allergiche nelle persone sensibili».

In conclusione, la testimonianza del papà di Luca, un bambino ricoverato: «Le giornate in ospedale durano mille ore, non passano mai… Ti trovi davanti il tuo piccolo che soffre e ti senti impotente perché non puoi fare nulla per aiutarlo, e mentre sei assorto nei tuoi pensieri, ecco che arrivano due volontarie dell’Abio che, con uno sguardo di complicità e comprensione, offrono al tuo bimbo dei “semplici” pacchetti di figurine. Sono gli Amici cucciolotti!!! Esclama Luca tutto felice… e in un attimo il letto si riempie di colori, di figure di cuccioli di ogni specie ed è festa… E ti accorgi che sono trascorse due ore di assoluta normalità. A volte basta poco per ottenere risultati sorprendenti. Grazie ad ABIO e agli “Amici Cucciolotti”».

Amici Cucciolottivuole trasmettere e condividere con il proprio pubblico una cultura di scelte solidali verso i più deboli, nella convinzione che queste generino beneficio per tutti e in particolare per le nuove generazioni. Pizzardi Editore si impegna ogni anno a investire in progetti sociali concreti mettendo i propri prodotti al servizio della solidarietà e del bene comune.

GIUSEPPE CESARO presenta il suo romanzo “INDIFESA”

Domani, giovedì 3 maggio 2018, ore 18.00. Libreria Mondadori, via del Pellegrino 94 (Campo De’ Fiori) a Roma, Patrizio Nissirio – giornalista e scrittore – presenta “Indifesa” (La Nave di Teseo), romanzo d’esordio di Giuseppe Cesaro. Sarà presente l’autore.

Mi chiamo Andrea e questo mi ha salvato”. Comincia così uno dei romanzi più intensi degli ultimi anni. Lo firma Giuseppe Cesaro, al suo esordio come autore, dopo una lunga carriera da ghost (è lui che ha aiutato Giuseppe Sgarbi a trasformare le sue memorie in romanzi, l’ultimo dei quali – “Il canale dei cuori” [Skira] – è stato tra i 40 proposti per il premio Strega 2018).

Una parabola struggente su identità (“Può esistere in natura qualcosa contro natura?”), fede (“In cosa crede chi crede?”), esclusione e solitudine. La storia di un’anima che riuscirà a non lasciarsi soffocare, e trovare la forza di vivere, capire, amare, perdonare.

Un romanzo duro, spesso commovente, dove l’eleganza e la ricchezza della lingua diventano fari per la ricerca delle verità, le ispirazioni e le rotte da seguire quando la vita continua a impartire le sue spietate lezioni. […] Un romanzo che, raccontando la dolorosa, malinconica ed a tratti violenta esperienza di Andrea, porta il lettore all’interno di un’esistenza dominata dalla riflessione come mezzo per combattere l’asprezza della realtà.”. (ANSA)

Chi vuole leggere ‘Indifesa’ deve porsi davanti a un bivio: può scegliere di continuare a vivere preferendo sempre la spiegazione più semplice (e allora forse è meglio non leggerlo) o può scegliere di provare a capire, nella consapevolezza che il percorso sarà doloroso, a tratti lacerante e che, alla fine, niente sarà come prima. Neanche la vita stessa”. (Il Fatto Quotidiano)

Indifesa è l’anima di Andrea, vittima delle violenze e del bullismo dei compagni di classe, incompreso dal mondo degli adulti. Silenzioso in mezzo a tante voci, troppo diverso per essere accettato e compreso. […] Un bambino fuori tempo, sempre qualche passo indietro rispetto agli altri, quelli felici, ricchi, normali, quelli che lo deridono e lo fanno soffrire. La sua è una parabola sulla solitudine, è una ricerca che dalle ferite porti al riscatto”. (Sole24 ore)

Nel cuore del centro storico di Roma apre ufficialmente VINYL ROOM

 Federico e Marco De Gregori, figli di Francesco, hanno pensato e realizzato VINYL ROOM, un negozio che si propone di rilanciare il vinile come supporto ed oggetto privilegiato di ascolto contemporaneo.

Nella VINYL ROOM chi non si accontenta della musica in streaming e di un paio di auricolari potrà trovare long playing nuovi ed usati, rari e meno rari, ogni genere musicale dal rock al folk, dal  jazz alla canzone d’autore: cofanetti in edizione limitata, edizioni di lusso, proposte di ogni tipo per amatori e per collezionisti.

 

Una sezione particolare del negozio (Highlits Shots) propone in vendita una collezione di foto originali d’archivio che ritraggono gli artisti più significativi ed importanti della nostra epoca, catturati in scatti inediti in bianco e nero.

I Beatles, Frank Zappa, Chet Baker, Fabrizio De André, Demetrio Stratos, David Bowie e molti altri ancora.

 

«Per ovvi motivi di famiglia abbiamo sempre abitato fra dischi e chitarre fin da bambini dichiarano Marco e Federico De GregoriQuesto negozio è la conseguenza inevitabile di un amore per la musica che non si è mai interrotto e che vorremmo condividere col pubblico più attento alla qualità del suono e alle proposte di mercato meno scontate».

 

Più che un negozio di dischi VINYL ROOM è dunque una galleria di testimonianze artistiche e sonore di un momento storico in cui la musica a 33 giri, che ancora ci gira intorno, ha dato un’impronta decisiva ed indelebile al gusto musicale e alla cultura del nostro tempo.