Intrappola.to; Fuga dal natale

Il Natale è alle porte e voi siete già in crisi con i regali da mettere sotto l’albero? Alla ricerca di qualcosa da fare con la famiglia durante le feste? Nauseati all’idea della solita e noiosissima cena aziendale? Non disperate, a Torino la soluzione c’è e ha un solo nome: Intrappola.to!

 

A metà tra una caccia al tesoro, un gioco di ruolo dal vivo ed una scena di Saw- L’enigmista (senza sangue però!), Intrappola.TO è il gioco di fuga più famoso dello stivale che risolverà le vostre feste!

Chiusi in una stanza buia e misteriosa, la squadra (da 2 a 6 giocatori) ha un’ora di tempo per scoprire indizi, identificare codici, risolvere combinazioni e aprire un lucchetto dopo l’altro per tentare di riconquistare la libertà. Il gioco, tutto adrenalina, intuizione e cervello, consiste nell’entrare e, accompagnati dall’inesorabile scorrere del tempo, concentrarsi per risolvere una serie di enigmi e quesiti di logica e osservazione.

25 stanze in Italia, due in Francia e in Spagna ed altre 10 in apertura in Italia e all’estero, più di 250.000 giocatori in un anno, oltre 150.000 followers su Facebook e la conquista dei primi posti nella classifica di Tripadvisor in tutte le città in cui è aperto.

 

Intrappola.to è un’esperienza coinvolgente, inquietante, divertente, un’idea regalo originale, spassosa ed intelligente, l’attività perfetta per riempire i pomeriggi di vacanza della famiglia e la soluzione innovativa da offrire al proprio capo per festeggiare le feste con i colleghi, divertendosi facendo il team building!

E per avere una foto ricordo indimenticabile della squadra… cappellini, barbe bianche e festoni per tutti!

 

Soleterre per i bambini

Giovedì 1 dicembre l’Organizzazione Umanitaria SOLETERRE – STRATEGIE DI PACE terrà a CERTOSA DI PAVIA presso l’Antico Borgo della Certosa (Viale Certosa, 42 – ore 19.00) il FASHION FOR CHILDREN, esclusiva serata di gala a sostegno delle attività del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica presso il Policlinico San Matteo di Pavia per la ristrutturazione del Day Hospital oncoematologico (www.fashionforchildren.org). Madrina della serata NATASHA STEFANENKO, storica testimonial di SOLETERRE, affiancata da ROSARIO PELLECCHIA, voce del programma radiofonico “105 Friends” di Radio 105.

 

Per partecipare alla serata è necessario versare una quota pari a 120 euro, donazione che comprende aperitivo di benvenuto dalle ore 19.00, cena a buffet dalle ore 20.00 e serata animata dai testimonial e dall’asta benefica. Durante il corso dell’evento vi sarà inoltre la possibilità di acquistare prestigiosi beni al charity shop.

La serata è stata realizzata grazie al contributo di un partner storico, “Acqua Group, al nostro fianco dalla prima edizione, e da due nuovi partner, Confindustria Pavia e Gruppo Giovani Industriali.

 

Da molti anni SOLETERRE è attiva in diversi reparti pediatrici per la cura del cancro infantile sostenendo il lavoro di oltre 250 medici tra oncologi, pediatri, infermieri, fisioterapisti, psicologi ed educatori.

In Italia l’associazione umanitaria collabora con il POLICLINICO SAN MATTEO di PAVIA attraverso attività di supporto psicologico ai bambini oncomalati e alle loro famiglie; supervisione psicologica del personale medico della Struttura Complessa di Onco-ematologia Pediatrica; formazione dei volontari, attività di mediazione linguistica e culturale e lavori di ristrutturazione e riqualificazione degli spazi ospedalieri.

L’avvio dell’intervento di ristrutturazione del Day Hospital Pediatrico rientra tra le iniziative sostenute dalla campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Trenta Ore per la Vita 2016” per permettere la realizzazione di spazi dedicati agli adolescenti in cura.

 

SOLETERRE è un’organizzazione umanitaria laica e indipendente che opera per garantire i diritti inviolabili degli individui nelle “terre sole”. Realizza progetti e attività a favore di soggetti in condizione di vulnerabilità in ambito sanitario, psico-sociale, educativo e del lavoro. Interviene con strategie di pace per favorire la risoluzione non violenta delle conflittualità e per l’affermazione di una cultura di solidarietà. Adotta metodologie di partenariato e di co-sviluppo per promuovere la partecipazione attiva dei beneficiari degli interventi nei paesi di origine e in terra di migrazione e garantire la loro efficacia e sostenibilità nel tempo.

 

Il Parlamento inaugura l’anno accademico

“Desidero far sentire con un indirizzo di saluto.la mia partecipazione a questa encomiabile iniziativa altamente formativa sui percorsi della legalità che da anni promuove con dedizione e costante impegno”Chi scrive è il Presidente del Senato Pietro Grasso il quale indirizza un saluto a Nicolò Mannino Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale in vista dell’inaugurazione dell’Anno Accademico di questo movimento- fissato per Giovedi 17 novembre 2016 alle ore 14,30  ( nato dopo le stragi del 92 con la benedizione del giudice Antonino Caponnetto)  presso Palazzo Giustiniani, Sala Zuccari , Senato della Repubblica. Arriveranno studenti, dirigenti scolastici, imprenditori, uomini delle forze dell’ordine, sindaci, amministratori vari, artisti,  da diverse città  d’Italia per dire che nel Parlamento della Legalità Internazionale al primo posto sta l’amore a questo Paese ripartendo da una cultura della Vita. Da Monza a Firenze, da Siena a Roma, da Verona ad Acerra, da >Eboli a Massafra, per abbracciare i tanti siciliani che hanno risposto positivamente all’invito di Nicolò Mannino a essere presenti a questo singolare appuntamento in un luogo di alto prestigio culturale.”L’iniziativa – scrive ancora il Presidente del Senato Pietro Grasso a Nicolò Mannino- ha il merito di coinvolgere i giovani in progetti di cittadinanza attiva al fine di renderli sempre più responsabili della vita sociale e politica del nostro Paese. Abbiamo  il dovere – sottolinea il Presidente Grasso ( che è anche Presidente Onorario del Parlamento della Legalità Internazionale, carica rivestita e felicemente accettata dal giudice Antonino Caponnetto, coordinatore del pool antimafia al quale fecero parte Giovanni  Falcone e Paolo Borsellino ) di insegnare , difendere e promuovere questi valori e di dimostrare con azione concrete il nostro essere cittadini onesti e testimoni dei valori assoluti e inviolabili che trovano la loro più alta espressione nella Carta Costituzionale. ”  Alla segreteria del Senato è già pervenuto l’elenco dei delegati da tutta Italia che Giovedi 17 novembre alle ore 14, troveranno posto nella splendida Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani , e proprio qui il Parlamento della Legalità Internazionale  taglierà il nastro per dare il via alle molteplici iniziative culturali che coinvolgeranno diverse città d’Italia e principalmente le scuole

Sabato la prima giornata della Psico-Oncologia

Il 29 ottobre La Società Italiana di Psico Oncologia (SIPO) ha indetto la prima GIORNATA NAZIONALE DELLA PSICO – ONCOLOGIA. Anche l’Organizzazione Umanitaria SOLETERRE–STRATEGIE DI PACE sostiene la diffusione dell’iniziativa ribadendo che una cura efficace del cancro deve tener conto di una complessa interazione di fattori culturali, psicologici e affettivi che influiscono e costituiscono insieme ai medicinali il processo terapeutico del paziente affetto da tumore.

La PSICO-ONCOLOGIA è una disciplina medica nata per aiutare i pazienti malati di cancro attraverso supporto psicologico, una scienza in grado di collegare l’approccio medico ai delicati problemi psicologici che il cancro comporta.

Secondo le stime del National Comprehensive Cancer Network, il 35% degli adulti malati di cancro soffre di alti livelli di stress, depressione, ansia e panico. La depressione rischia di compromettere il successo delle cure indebolendo il sistema immunitario del paziente.

Le attività di psicoterapia aumentano la capacità dei bambini di affrontare la malattia e i suoi effetti sul corpo, diminuiscono la depressione e l’ansia, migliorando la capacità di relazione con le famiglie e il personale medico.

 

«La prima giornata nazionale della Psico Oncologia è una tappa fondamentale per promuovere e fare conoscere l’enorme lavoro svolto dagli psico-oncologi nella prevenzione, cura e riabilitazione dei pazienti malati di tumore afferma Damiano Rizzi, presidente di SOLETERRE – Un lavoro che a livello internazionale è oramai assunto dalle agenzie oncologiche governative e  ministeriali che hanno oramai acclarato che solo un approccio comprensivo e multidisciplinare che include i bisogni psicosociali può essere di aiuto alle persone ammalate».

Da molti anni l’Organizzazione umanitaria SOLETERRE è attiva in diversi reparti pediatrici per la cura del cancro infantile sostenendo il lavoro di oltre 250 medici tra oncologi, pediatri, infermieri, fisioterapisti, psicologi ed educatori.

L’Organizzazione umanitaria supporta e supervisiona costantemente il personale medico garantendo la presenza di un numero potenziato di pscoterapeuti e figure professionali che si prendono cura del paziente a livello psicologico ed emotivo.

Dal 2010, infatti, SOLETERRE ha attivato il Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP) per intervenire in quei Paesi dove la mancanza di conoscenza e fondi condanna i bambini malati di cancro alla morte sicura. Il PIOP è oggi attivo in Italia e nei Paesi poveri dell’Africa e dell’Est Europa (Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio, India, Uganda). Soleterre tramite il PIOP fornisce cure e sostegno a oltre 8.000 bambini malati di cancro e alle loro famiglie.

 

Inoltre, quest’anno, SOLETERRE ha presentato il suo “MANIFESTO PER LA SALUTE” che afferma che le disuguaglianze non sono “naturali” e ineluttabili e l’assistenza sanitaria ha una grandissima valenza etica: un diritto umano che solo una società giusta può garantire. Attraverso il “Manifesto per la salute” ribadisce come questa debba essere un diritto per tutti, nonostante si stimi che ancora oggi siano oltre 100 milioni le persone nel mondo che affrontano spese sanitarie insostenibili.

“Un farmaco anche per me”

Il 3, 4 e 5 NOVEMBRE l’Organizzazione Umanitaria SOLETERRE – STRATEGIE DI PACE promuove l’iniziativa “UN FARMACO ANCHE PER ME”, raccolta di donazioni utili per l’acquisto di farmaci e materiali sanitari di prima necessità. Il progetto, organizzato in collaborazione con l’Associazione MONDOFARMACIA di Roma, circuito che raccoglie numerose farmacie della Capitale, prevede la presenza dei volontari in 20 farmacie sul territorio romano.

 

Ogni anno vengono diagnosticati nel mondo tra i 175 e i 250 mila nuovi casi di cancro infantile, ma non tutti i bambini hanno il diritto di curarsi a causa delle diverse condizioni dei sistemi sanitari in cui risiedono. Il 90% dei pazienti vive nei Paesi poveri, dove l’accesso all’informazione e alle cure è spesso impraticabile.

A causa della mancanza di medicinali e sussidi sanitari basici più di un bambino malato su due è destinato a morire. Da molti anni l’Organizzazione umanitaria SOLETERRE è attiva nei reparti pediatrici di Paesi poveri dell’Africa e dell’Est Europa per la cura del cancro infantile, della malnutrizione e di altre patologie, sostenendo il lavoro di oltre 250 medici tra oncologi, pediatri, infermieri, fisioterapisti, psicologi ed educatori.

 

La finalità dell’iniziativa “UN FARMACO ANCHE PER ME” è di raccogliere donazioni e farmaci per garantire le cure a bambini malati di tumore e di sensibilizzare la clientela delle farmacie in merito ai progetti sanitari dell’Associazione Umanitaria SOLETERRE in Italia e nei Paesi dell’est Europa e dell’Africa sub-sahariana.

 

«Solo una società giusta può garantire a tutti il diritto alla Salute – afferma Damiano Rizzi, presidente di Soleterre – Le diseguaglianze tra ricchi e poveri nell’accesso ai servizi sanitari sono enormi anche per prestazioni molto elementari, come l’assistenza al parto o alle comuni patologie dell’infanzia. Se fossero state colmate con adeguati interventi di copertura sanitaria, dal 2010 al 2015 si sarebbero evitati ben 700 mila casi di mortalità materna e 16 milioni di decessi di bambini al di sotto dei 5 anni. Le diseguaglianze nell’assistenza sanitaria tra Nord e Sud del mondo sono particolarmente drammatiche, ma sono gravi anche in aree differenti di un medesimo Stato».

 

La Raccolta delle donazioni consentirà l’acquisto nei vari Paesi di farmaci e materiali medici di consumo. Sono previste due modalità di donazione: il Kit da 10 euro, che comprende sussidi sanitari per le cure chemioterapiche, e il Kit da 5 euro, che comprende integratori alimentari e farmaci.

 

SOLETERRE è un’organizzazione umanitaria laica e indipendente che opera per garantire i diritti inviolabili degli individui nelle “terre sole”. Realizza progetti e attività a favore di soggetti in condizione di vulnerabilità in ambito sanitario, psico-sociale, educativo e del lavoro. Interviene con strategie di pace per favorire la risoluzione non violenta delle conflittualità e per l’affermazione di una cultura di solidarietà. Adotta metodologie di partenariato e di co-sviluppo per promuovere la partecipazione attiva dei beneficiari degli interventi nei paesi di origine e in terra di migrazione e garantire la loro efficacia e sostenibilità nel tempo.

Pace e solidarietà: un binomio per la vita

“Pace e Solidarietà: un binomio per la Vita “. E’ questa il tema che ha abbracciato centinaia e centinaia di studenti e studentesse che ogni mattina varcano il portone del “F. Ferrara ” di Palermo e che  li ha visti per più di un’ora raccolti nella splendida chiesa barocca di San Giuseppe dei Teatini ( ai quattro canti)  divenire una grande famiglia per  riflette sul “come ” cooperare insieme per un mondo a colori ricco di fraternità di pace, di solidarietà e  di giustizia.
A  volere questo appuntamento interconfessionale e interreligioso il dirigente scolastico la prof.ssa Eliana Romano e il prof. Nicolò Mannino che in questo Istituto superiore ha dato vita al Parlamento della Legalità Multietnico la cui ambasciatrice è proprio il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Stefania Giannini. A dare il “benvenuto ” ci ha pensato padre Gino Quattrini che ha invitato i giovani a non dimenticare mai il dialogo con se stessi e il mondo per scorgere la presenza di Dio  nel creato. A guidare l’incontro culturale il prof. Nicolò Mannino che ha coinvolto studenti di tutte le religioni a portare il loro saluto, mentre il dirigente scolastico Eliana Romano ha ricordato che il 30% degli alunni e alunne che frequentano l’IISS.”Francesco Ferrara ” arrivano da diverse parti del mondo, con storie e” credo” diversi, “però momenti come questi aggregano e danno coraggio e forza a un impegno culturale che abbraccia le speranze del mondo dove la pace e la solidarietà sono pilastri fondanti che edificano la casa comune dove da fratelli, pur nella diversità si lavora per l’unità”. Un appuntamento a dir poco meraviglioso e ben organizzato, ricco di riflessioni e di ascolto , di confronto e di dialogo specie quando una studentessa di fede musulmana ha letto un messaggio di Papa Francesco sul valore della Vita e sul tema della felicità. Diice a riguardo Papa Francesco Essere felici è smetterla di sentirsi vittima dei problemi e diventare  attori della propria storia. Essere felici è riconoscere che vale la pena vivere la Vita nonostante tutte le sfide le incomprensioni e periodi di crisi.Che la tua vita diventi un giardino di opportunità per essere felici “. Queste parole “faro” di papa Francesco hanno fatto riflettere i presenti che hanno meditato proprio sul valore della vita e hanno applaudito la testimonianza del loro compagno Fausto Riina vittima di un incidente stradale che dopo un travagliato periodo di guarigione era li presente con la mamma e ha portato un mazzo di fiori all’altare della Madonna, mentre la dirigente scolastico Eliana Romano riceveva lettere e abbracci da studentesse che hanno detto di trovarsi bene al ” Ferrara ” perchè una bella scuola, professionalmente valida con docenti e studenti che credono nel valore della vita e nella formazione.
“Sono contento che sia stato un momento  molto forte ma nello stesso tempo ricco di emozione vedendo protagonisti i nostri meravigliosi alunni e alunne – ha detto Nicolò Mannino ringraziando padre Gino per l’accoglienza – la scuola deve ritornare ad essere palestra di vita indicando sentieri di speranza ai nostri giovani che hanno il diritto e il dovere di crescere sani, forti e pronti a dare voce a ciò che illumina e non luccica”.

Art Voice Academy un nuovo laboratorio musicale per bambini da 0 a 6 anni

Tutti i bambini sono musicali e si avvicinano a questo mondo fin da subito perché in loro c’è un’innata capacità di comunicare per mezzo del suono. E’ da tempo che l’associazione Art Voice Academy diretta dal Maestro Diego Basso, svolge attività musicali rivolte ai più piccoli e ogni anno sviluppa nuovi percorsi a loro dedicati. Il Children’s Choir di Claudia Ferronato ormai è molto conosciuto e conta circa 30 voci dai 6 ai 14 anni, a cui si sommano le ragazze del Teen’s Choir, dai 14 ai 18 anni, che migliorano il senso del ritmo con il corpo grazie alla Body Percussion con Andrea Pedrotti.

Da qualche anno inoltre sono stati introdotti con successo i corsi di strumento ( batteria, chitarra e tastiere) e per tre anni consecutivi l’associazione ha organizzato il Summer Campus, con un boom di iscrizioni.

Ora, grazie all’esperienza della musico-terapeuta Tamara Gazzola, avrà inizio un percorso dedicato ai piccolissimi, dalla nascita fino ai 6 anni con il coinvolgimento anche delle mamme e dei papà, per offrire loro un’opportunità in grado di rafforzare il naturale rapporto con il proprio bambino, ritagliandosi un piacevole momento di benessere nella frenesia della settimana.

 

I cicli di incontri saranno suddivisi in fasce di età: 0-36 mesi e 3-6 anni, periodo centrale nell’apprendimento di competenze ed elaborazioni di stimoli, tra cui si inserisce la musica, con cui il bambino può scoprire il proprio sé, esplorare il mondo che lo circonda ed interagire con l’altro.

Le attività musicali, divertenti e molto piacevoli, agiscono su una duplice dimensione che, permette al bambino di dare valore a sé stesso e alle proprie abilità, oltre a favorire l’apertura di nuove forme e spazi di comunicazione e socializzazione.

Il progetto “Cantiamo Incontriamoci In-Cantiamoci” ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Castelfranco Veneto.

 

Per conoscere di persona l’attività proposta, genitori e bambini potranno partecipare all’open day con lezione di prova gratuita che si terrà il 22 ottobre (ore 10.00 – 11.00 bambini 0-36 mesi, ore 11.00 – 12.00 bambini 3-6 anni) presso la sede dell’Associazione Art Voice Academy, in via delle Mimose n.6 a Castelfranco.

Nella valle dell’Eden – Silvana Sanna

Tag

,

sanna

TITOLO: Nella valle dell’Eden

AUTORE: Silvana Sanna

EDITORE: Le Mezzelane

TRAMA: Il romanzo riprende il racconto “Maschio e femmina li creò” pubblicato tempo fa in formato ebook, e prosegue poi la storia di Anna e Biagio, due ventenni appassionati di montagna, che, incontrandosi in un rifugio alpino, si sentono immediatamente attratti l’uno dall’altra. Nei tre giorni che trascorrono insieme tra i monti, scoprono le gioie di un amore che unisce la spiritualità del sentimento alla passione erotica. È la prima esperienza per entrambi e, complice il meraviglioso ambiente, la vivono in modo semplice, naturale, poetico, sentendosi quasi come il primo uomo e la prima donna nel giardino dell’Eden. Ma sono gli anni sessanta e ciò che ha fatto Anna è giudicato indegno di una ragazza “per bene”; lo scontro con la bigotta mentalità dei genitori rischia così di demolire nel cuore di Anna la bella favola di quell’amore limpido e bellissimo. Tutto precipita quando Biagio inspiegabilmente sparisce. Anna si convince che il ragazzo abbia voluto ingannarla sin dal principio e, sia pure con grande fatica, cerca di superare la delusione e di ricostruirsi una vita serena. Ritroverà Biagio anni dopo.

DICO LA MIA: Ho letto e amato tutti i romanzi di Silvana Sanna e quindi non potevo perdermi quest’ultimo. Ho ‘conosciuto’ i protagonisti di “Maschio e femmina li creò”, un bellissimo libro che consiglio di leggere prima di iniziare quest’ultimo, semplicemente per avere una sorta di continuità nella lettura e non perché non possano essere letti in maniera separata. “Nella valle dell’Eden” ci sono tutti i tratti che io amo, la storia Italiana, l’amore e la condizione della donna negli anni sessanta, tema a me molto caro. I protagonisti si incontrano e si amano, semplicemente, senza troppi pregiudizi, pensieri di sorta sul loro amore, si amano come se fossero gli unici esseri sulla terra. Purtroppo non è così. Anna, più che Biagio, ha una ‘vita di facciata’ da rispettare, come avveniva negli anni sessanta. Una ragazza di buna di famiglia deve essere docile e non poteva certo concedersi ad un uomo prima del matrimonio ma Anna sfida la sorte, la famiglia e il mondo per amore. Biagio però scompare misteriosamente e Anna deve ripiegare ad una vita sommessa e sottomessa ma poi, l’imprevisto, Biagio ritorna e spiegherà tutto.

E tu vuoi parlarci di un libro?

Scrivici sul blog oppure alla mail sorbera.silvestra@libero.it o contattaci alla pagina facebook Sorbera Silvestra Blog

“Ti Amo Da Morire Onlus” Contro La Violenza Di Genere

Martedì 18 ottobre, presso il Teatro Arciliuto, prendono il via gli Eventi di Sensibilizzazione Contro LA VIOLENZA DI GENERE organizzati dall’Associazione “TI Amo da Morire Onlus”. Primo appuntamento: lo spettacolo “iostoconletartarughe”, con Antonella Ponziani, Rossella Seno e Daniela Terreri.

Antonella Ponziani, Rossella Seno e Daniela Terreri si avvicenderanno sul palco del Teatro romano L’Arciliuto in un mix d’interpretazione recitata e a tratti cantata e suonata. Ad accompagnarle, rispettivamente, i seguenti musicisti: Stefano Repolo – piano e chitarra; Francesco D’Amico – chitarra; Fabio Bianchini – piano; Yuki Rufo – chitarra.

iostoconletartarughe, uno spettacolo di teatro canzone tratto fedelmente dall’omonimo libro (EmigliEditore srl) di Simonetta Bumbi, che sarà presente in sala, si inserisce nell’ambito degli eventi di sensibilizzazione contro la violenza di genere, organizzati dall’Associazione “Ti Amo da Morire ONLUS”.

Dalle 20.30 alle 21.30 apericena con buffet €10,00 (è l’unico provento destinato al Teatro che offre la location a titolo gratuito) e l’ingresso è libero!

Scopo dell’associazione è svolgere finalità di solidarietà sociale nei confronti di persone svantaggiate, attraverso uno “Sportello d’Ascolto Legale e/o Psicologico – Ti ascolTiAmo da Morire” dedicato a tutte le donne che si trovino sul territorio nazionale e che, al di là della loro condizione sociale, culturale ed economica,subiscano, sia in ambito familiare che extrafamiliare, qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico quali ad esempio, violenza, sfruttamento, stalking, mobbing familiare, emarginazione e discriminazione, atti questi spesso preludio del ben più grave FEMMINICIDIO, nonché ai minori, appartenenti al nucleo familiare in sofferenza, vittime, sia pur in modo riflesso, di qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico nella loro condizione di soggetti svantaggiati.
Lo sportello d’ascolto fornisce consulenze qualificate e supporto tecnico da parte di avvocati, psicologi, sociologi e assistenti sociali, al fine di individuare i loro bisogni e fornire le prime risposte, mediante il numero verde 800-642328, operativo in giorni e a orari stabiliti a cura delle figure professionali sopracitate; in questo ambito l’associazione si propone, inoltre, di indirizzare i soggetti sottoposti a maltrattamenti, che a essa si rivolgono, in caso di necessità e al fine di sottrarle all’imminente pericolo, verso associazioni similari fornite di strutture protette per l’accoglienza, che avrà cura di individuare, siano esse private o pubbliche, sia in ambito regionale quanto in ambito nazionale.
L’Associazione garantisce la gratuità dei servizi offerti e l’anonimato.

Benessere per grandi e piccoli

L’a.s.d. Ginger Company offre una mattinata gratuita all’insegna del benessere presso la sua sede di Via Plana 5, per regalarsi qualche ora di relax, fisico e mentale.

Ginger, relax & Welness è un’occasione per stare insieme, conoscere ed avvicinarsi alle discipline olistiche e ad uno stile di vita sano e rispettoso di sè.

Yoga per adulti e anche per bambini. Arte millenaria di origine indiana che si basa sullo sviluppo ed il benessere di corpo, mente e spirito, lo yoga è una disciplina benefica per i grandi e adatta a qualsiasi bambino, soprattutto per coloro che fanno fatica a stare fermi, oppure che sono aggressivi, ansiosi, paurosi o con disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento.

Assaggi di ginnastica posturale, per migliorare la mobilità articolare e l’elasticità muscolare, per correggere quelle posizioni errate assunte senza rendersene conto nella vita di tutti i giorni, spesso causa di dolorosi fastidi alla schiena e alle spalle.

Tra una lezione e l’altra l’angolo relax, con tisane e un sano spuntino, accoglierà i partecipanti per un breve ristoro.

 

Programma della mattinata:

10.30 – 11.15 Yoga per adulti

11.15  – 11.45 ginnastica dolce – posturale

11.45 – 12.15 ginnastica dolce – posturale

11.15 – 12.00 yoga per bambini

12.00 – 12.30 ginnastica dolce – posturale